Cuneo passeggia a Macerata
Sconfitta indolore per la Lube

Dopo il primo set i biancorossi escono dal campo: finisce 0-3
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Un attacco del migliore in campo, Simone Parodi

 

di Andrea Busiello

 

Sonora scoppola inflitta dalla Bre Banca Lannutti Cuneo alla Lube Banca Marche, in un Fontescodella gremito per l’occasione. Dopo la bella vittoria in Turchia della Challenge Cup, Macerata cede di schianto 3-0 (27-25, 25-19, 25-15) al cospetto di una Cuneo apparsa forte come da previsione. A far girare il match è stato sicuramente il primo set, dove i biancorossi di casa erano avanti 23-20 prima di perderlo ai vantaggi: è stata una mazzata per il sodalizio cuciniero. Negativa la prova di Van Walle, chiamato a sostituire l’infortunato Igor Omrcen. L’unica nota positiva di giornata è la sconfitta per 3-1 della Sisley nel recupero di Roma che permette ai biancorossi di rimanere con sei lunghezze di margine rispetto agli orogranata trevigiani.

La cronaca. Nel primo set la Lube rimane avanti in avvio: 9-7 con Stankovic, 14-12 grazie a Van Walle. Cuneo impatta a quota 16 con Wijsmans ma la Lube gioca bene e con l’ace di Savani si porta sul 20-18. Il finale di set è emozionante: Macerata conduce anche 23-20 ma il turno di battuta di Mastrangelo è devastante e rimedia al gap (23-23). L’ultimo punto del set lo firma Parodi, fermando a muro Van Walle, per il 27-25 in favore dei piemontesi. 1-0 Cuneo. Il  secondo set vede il cambio Martino-Van Walle ma gli esiti sono negativi perchè gli ospiti dominano dalla prima all’ultima palla. Si parte 4-0, Volkov realizza il 6-2, Parodi il 10-6 e Wijsmans il 16-11. La Lube non c’è e Cuneo ne approfitta alla grande volando sul 20-15 con Parodi e chiudendo 25-19 dopo l’errore al servizio di Savani. Il terzo set è la fotocopia di quello precedente con Cuneo che scappa sin dalle prime battute: Volkov firma il 3-1, Parodi l’8-3 e lo stesso Volkov il 16-7. Il finale di gara è controllato bene da Cuneo che chiude il parziale 25-15 dopo l’errore al servizio di Stankovic. Finisce 3-0 per Cuneo.

 

LE PAGELLE DI LUBE-CUNEO

SAVANI: 5 Come i punti realizzati. Una prova incolore un pò in tutti i fondamentali. Dopo la vittoria della Challenge ci può stare ma per i play off il rendimento deve essere completamente diverso.

PAPARONI: 6.5 Lui il suo onesto lavoro lo fa sempre. Chiude con zero errori e questo la dice lunga sulla sua prova. Non è che si prodiga in difese straordinarie ma il suo compito lo svolge bene come sempre.

VERMIGLIO: 5.5 Nella giornata dove nessuno tocca la doppia cifra anche lui va un pò in affanno. Trovarsi senza una bocca da fuoco come Omrcen non è facile per nessuno, figurarsi per il suo assist man personale.

CONTE: 5.5 Fa meglio di Savani in attacco nonostante il suo 44% non sia eccellente. In ricezione va male con 3 errori pesanti. Se cresce in questo fondamentale può diventare un giocatore di primissima fascia.

STANKOVIC: 7.5 Il migliore della Lube insieme a Podrascanin. Chiude con un ragguardevole 80% in attacco, due muri ed un ace. Dura chiedergli di fare meglio.

MARTINO: 4 Entra in campo con una sufficienza non ammissibile in questo campionato, poi il 14% in attacco fa il suo nella valutazione della gara. A fine anno lascerà la Lube ma da qui alla fine ci si aspetta un rendimento migliore per le sue immense capacità naturali.

VAN WALLE: 5 Purtroppo il belga stecca la prova del nove. Regnava curiosità nel vedere come la Lube potesse giocare senza Omrcen ed in effetti il suo sostituto non ha fatto bene. Nonostante il grande impegno messo in campo il 30% di positività in attacco non può soddisfare.

CACCHIARELLI: sv.

PODRASCANIN: 7.5 Al centro la Lube non stecca mai. Per “Potke” 100% in attacco e tre muri. Peccato per lui che una ricezione sempre in affanno non abbia permesso a Vermiglio di giocare con maggiore costanza con il suo centrale però il serbo è sempre presente. Bravissimo.

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X