Erminio Marinelli:
“Quelle di Silenzi
sono solo sterili polemiche alla ricerca
di un protagonismo perduto”

- caricamento letture

erminio-marinelli

Da Erminio Marinelli, capogruppo del Pdl in Consiglio provinciale:

“Parafrasando Luigi Pirandello, a leggere l’odierna cronaca verrebbe da dire che dai “Sei personaggi in cerca d’autore”  siamo passati ad un personaggio in cerca di un (nuovo) ruolo.

Sono sorprendenti le isolate dichiarazioni del Consigliere provinciale Silenzi da un punto di vista sia formale che sostanziale.

Sulla questione delle garanzie e degli strumenti a disposizione dell’opposizione, l’ex Presidente Silenzi – dal giorno in cui è passato agli scranni dell’opposizione – ha trovato fin da subito tutto quanto egli stesso ha messo a disposizione per cinque anni all’allora minoranza.

Ad iniziare dalle sale per i consiglieri. Con una sola differenza: che oggi la minoranza ha una propria stampante nella stessa sala mentre con Silenzi presidente le stampe arrivavano dritte dritte nella sua segreteria.

La richiesta di una segreteria è quanto meno esagerata. Con la dotazione informatica prevista dal regolamento ed in fase di attuazione, con la previsione delle implementazioni della pagina on line riservata ai consiglieri e soprattutto considerando il richiamo al contenimento dei costi del Consigliere Silenzi (che per altro stonano con le sue scelte di spesa attuate fino a giugno: “non dimentichiamo i volumi “La provincia per”, “gli orbicolari”, il suo ufficio di staff composto da esterni etc), la provincia non deve dotarsi di personale aggiunto oltre alle risorse umane già operanti al settore affari istituzionali che è in grado si soddisfare in tempi brevi ogni richiesta dei consiglieri tutti.

Sui rifiuti, inutile aggiungere altro rispetto a quanto affermato dal Presidente Capponi dopo la riunione con i Sindaci dei Comuni  interessati dal piano provinciale dei rifiuti e il Presidente del COSMARI. Fatti e non parole.

Rispetto alla polemica sui costi dei dieci assessori, si sottolinea che il numero non è aumentato  mentre in compenso sono state eliminate le deleghe inutili e non di competenza.

Vogliamo   ricordare le deleghe bizzarre o  estranee alle competenze proprie della provincia o ad uso propagandistico, Randagismo per esempio, oppure quelle assegnate agli assessori ma da svolgere con il Presidente, vedi cooperazione internazionale, rifiuti, acque ?

In merito al presunto autoritarismo della nuova amministrazione c’è poco da replicare essendo una critica non motivata e non argomentata. E forse dimentica i suoi 5 anni di mandato !!!

Riteniamo  che queste sterili polemiche siano motivate solo dalla ricerca di un protagonismo perduto nel mese di giugno scorso”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =