«Sferisterio, problemi di liquidità?
Non pagati 60mila euro al coro Bellini»

MACERATA - Il capogruppo del Pd Narciso Ricotta solleva la questione con una interrogazione in Consiglio. Una notizia che arriva dopo l'allarme lanciato lo scorso anno dal collegio dei revisori dei conti sul fatto che un altro bilancio in passivo avrebbe potuto creare problemi alle casse dell'Associazione Sferisterio

- caricamento letture
Ricotta_Consiglio-Comunale_FF-6-650x434

Narciso Ricotta

di Luca Patrassi

Sferisterio inclusivo anche per i fornitori. E’ quello che chiede il capogruppo comunale del Pd, Narciso Ricotta, con una interrogazione che cita un singolo episodio – il mancato pagamento di una rata del compenso dovuto al coro Vincenzo Bellini – ma sembra evocare lo spettro di un qualche problema di liquidità in capo alle casse dell’associazione.

Ricotta premette: «La scorsa stagione lirica dello Sferisterio ha visto la rappresentazione delle opere Carmen, La Traviata e Lucia di Lammermoor che sono state eseguite anche grazie alla partecipazione del coro lirico marchigiano “V. Bellini” che vi ha contribuito con decine di coristi qualificati. Il coro collabora con la stagione lirica di Macerata da oltre 40 anni, la prestazione del coro è terminata il 19 agosto 2023 e secondo le scadenze contrattuali concordate doveva essere pagata a rate di cui una con scadenza il 31 ottobre scorso per 60mila euro. Il coro è una cooperativa di lavoratori e le somme che percepisce costituiscono, di fatto, la retribuzione di detti prestatori d’opera nonché servono per il pagamento, già dovuto effettuare, dei loro contributi previdenziali Enpals. Il Comune è il socio principale dell’associazione Arena Sferisterio che organizza la stagione lirica e la presiede con il suo sindaco, il comune di Macerata, ogni anno, finanzia la stagione lirica con diverse centinaia di migliaia di euro mentre ulteriori finanziamenti arrivano da altre fonti pubbliche e da privati».

corale-belliniFatta l’analisi, Ricotta conclude il suo intervento chiedendo all’amministrazione comunale «se corrisponde al vero che l’Associazione Arena Sferisterio non abbia adempiuto al pagamento della rata scaduta il 31 ottobre scorso pari a 60mila euro dovuti al coro lirico marchigiano “V. Bellini” per la sua partecipazione alla stagione lirica 2023 e nel caso quale attività l’amministrazione comunale, in quanto principale socio di detta associazione, intenda porre in essere urgentemente per rimediare a detta situazione». Peraltro si ricordano le polemiche seguite al bilancio consuntivo 2022 quando il collegio dei revisori dei conti osservò: «il Collegio ritiene che il risultato economico negativo, pur avendo appesantito la situazione debitoria netta, non ha compromesso l’equilibrio di tesoreria tuttavia occorrerà porre notevole attenzione, a partire dalla prossima imminente stagione lirica, all’equilibrio economico della programmazione in quanto un eventuale ulteriore risultato negativo graverebbe in maniera più incisiva sugli equilibri finanziari dell’associazione». Resta da capire se il bilancio 2023 ove si sia chiuso in passivo – nessuna notizia viene ancora fornita dall’Associazione Sferisterio a fronte di una stagione lirica chiusa da quasi quattro mesi – possa aver prodotto gli effetti ipotizzati dai revisori dei conti, quindi un problema di liquidità che si ripercuote sui pagamenti.

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X