Energia green, rete elettrica e sosta:
«Ecco le priorità dell’Assm,
altro che governance ingessata»

TOLENTINO - La municipalizzata presieduta da Nando Ottavi ha fatto il punto sulle principali linee di intervento, spicca il finanziamento di 5 milioni a fondo perduto per l'ammodernamento delle infrastrutture elettriche. Sui parcheggi in centro, due le ipotesi in campo. Il sindaco Mauro Sclavi ha risposto alle polemiche della minoranza
- caricamento letture
assm

La conferenza dell’Assm

di Francesca Marsili

La prima conferenza stampa del 2023 di Assm, questa mattina, è stata l’occasione per il neo presidente Nando Ottavi non solo di mostrare le priorità della governance dove spicca l’ottenimento di oltre 5 milioni di euro a fondo perduto per il potenziamento della rete elettrica. Ma anche di rispedire al mittente le critiche mosse nei giorni scorsi dal gruppo di minoranza “Tolentino Nel Cuore” che aveva definito la nuova dirigenza “ingessata”. «Il Consiglio di amministrazione non è stato fermo – ha esordito Ottavi – ma sta lavorando con un impegno oltre la normalità. Per questo motivo illustriamo quello che abbiamo fatto e che vorremmo fare. Assm è un’azienda tra le migliori della provincia e il nostro impegno è di continuare su questa strada».

assm-nando-ottavi

Nando Ottavi

A fare eco ad Ottavi il sindaco Mauro Sclavi che difende il lavoro fatto in questi mesi da Assm. «L’aggettivo “ingessato” non mi è piaciuto – ha sottolineato – stiamo lavorando tanto, ma non lo diciamo. Come sindaco sono attaccato a questa azienda e quando la attaccano sono il primo a difenderla. Abbiamo rivisto progetti che non avevano la copertura finanziaria, abbiamo lavorato anche di notte alle Comunità energetiche rinnovabili e per dare alle Terme di Santa Lucia, dal punto di vista sanitario, una visione da qui a 20 anni, ma senza proclami».  Sclavi risponde preventivamente anche all’interrogazione promossa dal gruppo di minoranza “Tolentino Nel Cuore” a firma della capogruppo Silvia Luconi, che verrà discussa nel prossimo Consiglio comunale, in cui si evidenzia che: qualora i membri del Cda in pensione percepissero un compenso, ciò andrebbe contro la normativa. «Le persone in pensione – ha specificato il primo cittadino – non hanno percepito alcun emolumento».

assm-ottavi-sclavi

Nando Ottavi e Mauro Sclavi

Ma Sclavi non si limita a rispondere, rilancia con forza e promette di fare chiarezza sulle medesime situazioni di persone in pensione che potrebbero aver percepito compensi durante la precedente amministrazione. «L’attuale lo conoscete, lo abbiamo detto, ora, come sindaco, manderò una lettera per conoscere le situazioni pregresse dell’Assm e della Casa di riposo di Tolentino. La legge dice questo, che se un pubblico ufficiale è venuto a conoscenza di situazioni devi fare luce, e questo farò». Risorse energetiche e gli impianti adesso destinati, l’ottimizzazione dei servizi pubblici per una migliore qualità di vita dei cittadini e lo sviluppo del settore cura e benessere con particolare attenzione alla realizzazione di nuove funzionali strutture, queste le priorità di Assm guidate dal presidente del Consiglio di amministrazione Nando Ottavi e dal direttore generale Sandro Meschini a cui si affiancano i capi servizio, ognuno dei quali coordinerà la propria area. Al direttore generale sono state conferite ampie deleghe che vanno a coprire tutte le attività di ordinaria amministrazione, mentre in capo al presidente rimarranno le funzioni strategiche e la straordinaria amministrazione che eserciterà con la condivisione dell’intero consiglio di amministrazione.

assm-sandro-meschini

Sandro Meschini

Secondo quanto illustrato nella conferenza, tra i principali obiettivi di Assm c’è il potenziamento e miglioramento del settore energetico, dove la municipalizzata, in questi mesi, ha cercato di dare il massimo contributo. In particolare per quanto riguarda il progetto Cer del Comune per l’implementazione di una comunità energetica comprensiva di edifici pubblici e privati, il cui importo progettuale si aggira attorno ai 14 milioni di euro: sarà valutato nei prossimi mesi in sede commissariale, nell’ambito dei fondi del Pnrr legati ai territori colpiti dal sisma,  in questo momento è al decimo posto nella graduatoria per l’ottenimento dei fondi. Orgoglio, da parte di tutta la municipalizzata per l’ottenimento di 5.243.000 euro a fondo perduto per il progetto finalizzato alla resilienza della rete elettrica di distribuzione, realizzato dall’area distribuzione energia elettrica di Assm in collaborazione con il politecnico di Milano e illustrato dalla responsabile Susanna Tallei, che a settembre scorso ha partecipato al bando del ministero della Transizione ecologica, per la misura dedicata al potenziamento digitalizzazione delle infrastrutture di rete. Con tale finanziamento, come esposto dalla Tallei che ha lavorato al progetto, verrà realizzata un’ulteriore cabina primaria di trasformazione in contrada Rotondo oltre a quella di contrada Ributino che nel 2017, a causa di un’esondazione del fiume Chienti,  creò un lungo un blackout. Inoltre verranno sostituiti 23 km di cavi, 21 sospesi e 2 interrati, del diametro doppio a quelli attuali: questo per evitare che il ghiaccio che si forma sopra agli stessi possa piegarli.

assm-michele-cartechini

Michele Cartechini

Illustrati anche i lavori al Lago delle Grazie, sempre nell’ottica dell’aumento di produzione di energia elettrica pulita. Tre gli interventi principali descritti da Michele Cartechini: la pulizia del lago con lo sfangamento e la prevenzione dell’ingresso di detriti nello stesso con delle “briglie” a livello del Fosso Entogge dove il materiale accumulato può essere ciclicamente rimosso con dei mezzi. Il rafforzamento della struttura della diga e l’ultimo che riguarda la ricostruzione della guardiania, lesionata dal sisma e obbligatoria per legge, a pochi metri distanza dall’attuale sede, in un appezzamento di terreno acquistato con minor rischio idrogeologico.

assm-sussana-tallei

Susanna Tallei

Descritti anche gli interventi in corso per quanto riguarda un tema molto sentito dalla cittadinanza: piano parcheggi in centro storico e Trasporto pubblico locale. Per quanto riguarda il primo si sta prendendo atto di quella che è la problematica delle ricostruzione post sisma che ha di fatto, a causa dei cantieri, sottratto posti e quindi la possibilità per i cittadini di usufruirne in modo agevole. Meschini ha spiegato che si stanno valutando due linee di intervento che verranno poi sottoposte ai Consigli di quartiere e alle associazioni di categoria con l’obiettivo di renderle operative dal primo marzo prossimo. Il primo aspetto è quello di ampliare il numero delle vie dove i residenti e i commercianti possano utilizzare l’abbonamento per la prima auto. La seconda linea è quella che attenziona i parcheggi di struttura: Filzi, Foro Boario e Matteotti dove l’utilizzo è più basso e per i quali l’Assm sta valutando la possibilità di abbattere in maniera significativa il costo per chi vuole fare l’abbonamento in queste aree. Altra ipotesi è quella di estendere la mezz’ora gratuita a tutta la zona rossa B oltre alla A e di mettere mano al sistema delle sanzioni dove chi utilizza la mezz’ora gratuita, se non sfora di oltre 30 minuti, avrebbe una sanzione di 6 euro anziché le attuali 20. Per quanto riguarda il Trasporto pubblico locale l’Assm sta intervento sull’ammodernamento degli autobus che sono con motori euro 2 e 3, con una flotta con motori eco grazie ad una copertura sostanziosa dalla Regione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Come butta?
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X