Pallacanestro C21,
Anthropos campione d’Italia

TRIONFO - Alla terza finale tricolore consecutiva, la squadra civitanovese ha vinto i campionati italiani di basket della Fisdir battendo in finale la Sport In Veneto (19-16 al supplementare). Il presidente Nelio Piermattei: «Un risultato raggiunto con tanto impegno che premia un lavoro svolto pur tra mille difficoltà»
- caricamento letture

 

Gruppo-Anthropos

Il gruppo Anthropos campione d’Italia

Alla terza finale tricolore consecutiva l’Anthropos sale sul tetto d’Italia nella pallacanestro C21. Si sono conclusi, al PalaPalestre di Ferrara, i campionati italiani di basket della Fisdir. Nella categoria degli atleti C21, riservata ai giocatori con sindrome di down, è andata in scena una final six che ha visto la compagine marchigiana come la grande protagonista.

Premiazione-Anthropos-zoomLe prime gare si sono disputate nel pomeriggio di venerdì. I portacolori civitanovesi si sono confrontati in campo contro il Basket4ever di Formia (Latina) sbaragliando i rivali con il risultato di 46-7. Sabato mattina, nella seconda partita del Girone 1, l’Anthropos ha fatto la voce grossa contro l’Orionina di Ercolano con il risultato di 30-6. Nel pomeriggio di sabato, in semifinale, i cestisti marchigiani hanno sfatato il tabù sardo riuscendo a piegare il sestetto campione uscente, l’Atletico Aipd di Oristano, rivale delle precedenti finali titolate nel 2019 e nel 2021, e hanno staccato il pass per la finalissima con il punteggio clamoroso di 32-17. Uno step importante anche dal punto di vista del morale.

Azione-1-Anthropos-325x319Nella finalissima i campioni se la sono vista con la sorprendente Sport In Veneto riuscendo a imporsi con il risultato di 19-16 al supplementare. Exploit che ha laureato Anthropos campione d’Italia 2022 al termine di una sfida ricca di emozioni. Dopo uno sprint iniziale con l’Anthropos avanti 6-0, il forcing dei veneti vale il pari (6-6). Il team marchigiano non abbandona l’iniziativa (10-8 per noi), ma subisce un break pesante di 6 punti (10-14) all’inizio del quarto periodo. Il grande cuore dell’Anthropos propizia il pareggio (14-14) a 40 secondi dal termine. Nel tempo supplementare Civitanova va sul 17-14, i veneti accorciano (17-16), ma cedono sul canestro decisivo del 19-16. «Un successo meritato – scrive la società – in grado di ripagare un percorso iniziato nel marzo 2019, che ha visto molti dei nostri atleti vestire la maglia azzurra e conseguire risultati internazionali di prestigio (come il recente titolo mondiale dell’ottobre scorso). Si è aggiunto un altro traguardo cercato con forza e decisione. Questo risultato va condiviso con gli amici della Virtus Civitanova, che dal primo giorno sono nostri partner tecnici del progetto di pallacanestro».

La-grande-famiglia-dellAnthroposLa squadra Anthropos presente alle finali di Ferrara era composta da: Davide Moriconi (C), Alex Cesca, Alessandro Di Giammatteo, Alessandro Greco, Fabio Haddad, Francesco Leocata, Emanuele Malavolta, Andrea Rebichini, Paolo Smerilli (assenti Gianluca Marcelletti ed Emanuele Venuti). Staff tecnico: Angela Gasparroni (coach), Marco Iascin Trisciani (vice coach), Emanuela Passeri e Nicola Moretti. Dirigenti: Nelio Piermattei (presidente).

«In questo primo anno da coach Anthropos ho vissuto emozioni uniche, regalate giorno dopo giorno dai nostri ragazzi – dichiara Angela Gasparroni -. Il percorso nelle finali è stato un concentrato di tutto un anno di lavoro. Abbiamo giocato una pallacanestro vera, con concentrazione, grinta, la giusta aggressività, con gesti tecnici importanti e giocando di squadra. Proprio quest’ultimo è stato lo step che ci ha consentito di raggiungere un grandissimo traguardo».

«Ho vissuto una delle più belle pagine sportive della mia vita – dice Nicola Moretti, presidente Virtus Basket -. In primis perché l’ho condivisa con Angela, sono proprio felice di averla coinvolta in questa bellissima esperienza. Poi perché vivere momenti tali con un gruppo stupendo, a partire da Nelio, che mi ha fatto conoscere la realtà eccezionale dell’Anthropos, e questi magnifici ragazzi capaci di trasmetterci ogni giorno un entusiasmo e una gioia di vivere ineguagliabili nell’ambito di uno sport che da sempre fa parte della nostra vita, è il massimo. Ringrazio anche Claudio, che all’inizio ci ha fatto entrare in punta di piedi in un mondo difficile da spiegare se non è vissuto dall’interno, soprattutto per le emozioni che può trasmettere. Sono davvero felice per i genitori dei ragazzi. I sacrifici quotidiani delle famiglie permettono agli atleti di vivere queste vittorie stupende e meritano di essere ripagati all’infinito. Sempre forza Anthropos e forza Virtus».

Premiazione-Anthropos«Un risultato raggiunto con tanto impegno che premia un lavoro svolto pur tra mille difficoltà per la mancanza di spazi in cui allenarsi. Spero le istituzioni si impegnino per farci avere un luogo di allenamento continuo e stabile – commenta il presidente dell’Anthropos Nelio Piermattei -. Lavoro che premia le capacità della nostra allenatrice Angela, di Marco e degli altri assistenti. Sono riusciti a far fare alla squadra l’ennesimo passo avanti, quello necessario per superare gli amici rivali di Oristano in semifinale e i competitivi rivali della Sport In Veneto nella resa dei conti. Ringrazio loro, ringrazio la Virtus senza il cui sostegno tutto questo non sarebbe stato possibile, ringrazio il nostro main sponsor del basket, la “Moretti Srl”, e l’altro sponsor, la “Punto Impianti di Walter Isidori”, ma soprattutto ringrazio i ragazzi per l’abnegazione, la voglia di esserci e di crescere, e le loro famiglie per i continui sacrifici funzionali al basket. Questo titolo è il modo migliore per concludere una stagione che, oltre a importantissimi risultati internazionali individuali dei nostri tesserati, ci aveva visto sino ad ora vincere tutti gli altri 7 titoli per società che ci avevano visto in gara, dall’atletica al calcio al nuoto. Ora sono 8 su 8».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X