Risse e aggressioni a Civitanova,
scatta il Dacur per otto ragazzi

PROVVEDIMENTI del questore: i giovani, tutti già denunciati per lesioni e rissa, non potranno frequentare vie e locali del centro e del lungomare per un anno. Tre gli episodi dal 14 al 21 agosto ricostruiti dalla polizia
- caricamento letture
controlli-polizia-lungomare-sud-civitanova-FDM-9-325x204

Controlli della polizia sul lungomare sud a Civitanova

 

Risse, movida violenta e aggressioni a Civitanova: scattano otto divieti di accesso alle aree urbane per altrettanti ragazzi. Gli otto Dacur sono stati disposti dal questore Vincenzo Trombadore e ora gli otto ragazzi, tutti già denunciati, non potranno frequentare vie e locali del centro e del lungomare per un anno. 

Pugno duro della questura, dunque, dopo i tre episodi che si sono verificati tra il 14 e il 21 agosto tra corso Umberto I, lungomare Piermanni e piazza XX Settembre. Tre episodi che avevano destano non poca preoccupazione in città. Grazie al lavoro degli agenti del commissariato, all’implementazione dei controlli stabiliti dal Comitato di ordine e sicurezza pubblica, alle immagini delle numerose telecamere presenti in città e a diverse testimonianze, la polizia è riuscita a identificare i protagonisti dei tre episodi: si tratta di otto ragazzi, tutti già denunciati per rissa e lesioni.

vincenzo-trombardore-questore-e1606828139183-325x256

Il questore Vincenzo Trombadore

Il primo episodio risale alla notte del 14 agosto, quando era scoppiata una violenta rissa in piazza XX Settembre tra due gruppi di giovani anconetani. La lite era iniziata per futili motivi davanti un locale del lungomare sud. Poi mentre un gruppo era andato in piazza per prendere le auto parcheggiate e andarsene, era stato inseguito dal gruppo rivale con la situazione che è poi degenerata a calci e pugni. Alcuni ragazzi erano rimasti feriti. Sei i ventenni dell’Anconetano denunciati.

Il secondo episodio, sempre la notte del 14, davanti a un altro locale del lungomare Piermanni.  Un giovane marocchino, residente nel Fermano, aveva aggredito un cliente, con il quale stava discutendo animatamente, procurandogli lesioni giudicate guaribili in 15 giorni. Infine il sabato dopo, in corso Umberto I, un gruppo di ragazzi e ragazze mentre era seduto su una panchina, era stato minacciato da un giovane del Fermano con un coltello per una sigaretta. L’episodio era anche stato denunciato dalla madre di una delle ragazze coinvolte (leggi l’articolo). Il gruppetto era stato costretto alla fuga, allertando subito la polizia.

Per tutti e otto i ragazzi quindi, oltre alla denuncia, ora è scattato anche il Dacur.

(redazione CM)

 

Rissa in piazza a Civitanova, sei denunciati dalla polizia

«Mia figlia e i suoi amici minacciati con un coltello in corso Umberto I»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X