Lu primu de magghju

LA DOMENICA con Mario Monachesi
- caricamento letture
mario_monachesi

Mario Monachesi

di Mario Monachesi

Questo giorno rappresenta oramai da secoli la festa dei lavoratori, ma secondo riti antichi, anche l’arrivo della bella stagione, che un tempo si augurava fertile ed abbondante.
*
“Ecco maggio ch’è venuto, co’ le scarpe de villuto, co’ le scarpe de vroccato: ben venuto e ben tornato”.

“‘Sta data ci-ha ‘na storia ‘nfinita de tradizió’, da lu cantanagghju (gruppi canterini che giravano le campagne intonando al suono “dell’urghinittu” gioiose stornellate dette maggiolate: “Ecco magghju ch’è venuto, è tre dì che l’ho saputo; l’ho saputo per viagghju, fòra aprile e dentro magghju”), a lu piantamagghju (giovani che piantavano rami, o piccoli alberi addobbati, nelle piazze dei paesi, o davanti alle case delle fidanzate. Rami anche alle finestre, nelle lunette di cucine o stalle perché una credenza voleva che tenessero lontane le formiche dalle abitazioni).
‘N’antra tradizió’ (questa resiste ancora) adèra la merènna fori porta. Se lu tempu lo pirmittia, se trascurria all’aperto co’ magnate de fava fresca cruda, salame e pecorino. ‘St’abbitudine ‘rria da li tempi dell’antichi Romani”.
*
“Co’ la fava e lo pecorì’, ce sta vè’ u’ mecchjé’ (bicchiere) de vi'”.
*
“Mejo fava in livertà (libertà), che cappù (capponi) in schjavitù”.
*
“Se invece pjuia (pioveva), zombava (saltava) la gita all’aperto, ma un proverbiu la reppattava cuscì’: “Se pioe per San Giacomo e San Filippo (1 maggio), il povero non ha bisogno del ricco”.
*
Le fave, per l’antico popolo greco, erano considerate un simbolo negativo. Ai tempi dei Romani, invece, venivano utilizzate per celebrare la dea Flora, protettrice della natura in fiore e, dunque, della rinascita. “Le teghe” (baccelli) venivano lanciate sulla folla in segno di buon augurio. Trovare sette semi nello stesso baccello, veniva considerato di buon auspicio.
Anche il pecorino era già conosciuto ai tempi degli antichi Romani.
*
Nelle Marche, ma in special modo a Ripatransone nell’ascolano, “lu primu de magghju adèra usanza cucinà’ lo ciavarro”. Una zuppa di cereali e legumi per festeggiare il simbolico passaggio tra vecchie e nuove provviste, cioè consumare le rimanenze dell’invernata: “gra’, orzo, fava, favi’, fascioli (rossi, cannellini, borlotti e bianchi di Spagna), granturco, viselli, cece, lenticchje e cicerchja”. Era un piatto povero contadino e si faceva “pe’ sgutà’ (svuotare) la mattera (dispensa). “Da magghju in poi, ‘rriava le pruvviste noe”.
*
“Li primi de magghju de ‘na orda finia sempre co’ lu vallu de lu sardarellu. Ogghj ‘stu vallu non se usa più, anche se la museca adè cambiata, lo festegghjà’ l’entrata de magghju dura eccome. Tra le tante feste de ‘sta jornata, recordamo quella de la zona industriale de Curridonia, co’ ospiti, tanto magnà, ‘na mostra d’arte, ‘na fiera e tanta ‘lligria (allegria), anche se li tempi che ce rtruimo a vive, non adè de li più spinzierati.
Tirimo a campà’ e speramo sempre né lo mejo. Non c’imo atra scerda”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =