Profughi, accoglienza al Natural village
C’è anche il più piccolo: ha 14 giorni

POTENZA PICENA - La Croce rossa sta aiutando gli ucraini arrivati in città (due famiglie questa settimana). Tra loro una mamma con il figlio neonato e un altro di un anno. Il Comune ha messo a disposizione cinque appartamenti per dare una casa a chi, per via della guerra, ha lasciato quella che aveva
- caricamento letture
aiuti-ucraini-croce-rossa-1-e1647099785659-650x627

La famiglia ucraina nonna, mamma e due bambini di 3 e 8 anni che hanno trovato accoglienza al Natural Village

di Laura Boccanera

Ha appena 14 giorni ed è arrivato dall’Ucraina assieme alla sua mamma. E’ il più giovane profugo arrivato nella provincia di Macerata. E’ arrivato questa settimana a Porto Potenza, subito accolto dalla Croce rossa locale che in collegamento con quella internazionale, soprattutto polacca e romena, sta trovando una sistemazione per le famiglie che cercano un ricongiungimento familiare.

aiuti-ucraini-croce-rossa-2-325x325

I volontari della Croce rossa assieme agli scout al lavoro nel magazzino stock dei beni donati

Questa settimana ne sono arrivate due a Porto Potenza: nell’altro nucleo anche un bambino di 8 anni portato in ospedale a Civitanova. Immediata ed efficace la procedura per il permesso di soggiorno e per l’assistenza sanitaria.

E’ una macchina di solidarietà smisurata ed efficiente quella che  la Croce rossa di Porto Potenza ha messo in piedi assieme a tanti volontari e con cittadini, supermercati e anche con il comune di Potenza Picena.

E in questa prima settimana sono numerose anche le storie che arrivano tramite i volontari. Come quella di una mamma scappata col figlio neonato di appena 14 giorni, un altro di solo 1 anno e in attesa che dal confine arrivi il più “grande” che però in realtà grande non è e a solo 9 anni.

«Stanno arrivando donne sole con molti bambini, i mariti sono rimasti in Ucraina a combattere e grazie a tutte le realtà coinvolte stiamo offrendo accoglienza  a queste famiglie – ha spiegato Matteo Carlocchia, presidente della Croce rossa di Potenza Picena – in particolare questa mamma aveva con sé un neonato, un bimbo venuto al mondo pochi giorni dopo lo scoppio della guerra e lei è fuggita da sola coi bambini. Ora è ospite di una nostra volontaria. Attualmente stiamo lavorando su diversi fronti, da un lato la raccolta fondi nazionale, dall’altro stiamo allestendo grazie alla disponibilità del comune che ci ha dato la disponibilità dei locali un magazzino dove raccogliere i beni di prima necessità per queste persone. E poi ancora il servizio di ricongiungimento familiare grazie al network Croce rossa.

aiuti-ucraini-croce-rossa-4-650x488

La donazione di merci e beni effettuata dalla Coal

Il comune di Potenza Picena ha consentito ai profughi di poter ricevere tamponi gratuiti nelle farmacie comunali e il Natural village ha messo a disposizione per ora 5 appartamenti di cui uno occupato da una prima famiglia. In questi giorni ho potuto notare davvero tante energie e tanta disponibilità, dalla Questura che fin da subito permette la registrazione dei profughi dando permesso di soggiorno e codice sanitario temporaneo, fino ai privati, come ad esempio il Coal che ci ha donato un cospicuo rifornimento di beni. Come dico sempre la solidarietà si fa tutti insieme».

Ieri è successo anche di dover accompagnare un bambino di 8 anni in ospedale. E’ arrivato con la mamma e la nonna assieme al fratellino di 3 anni: «Qui avevano un’amica e sono scappati da Lutsk che proprio ieri è stata bombardata. Il bambino era anche molto preoccupato perché aveva saputo del bombardamento e suo papà è al fronte a combattere – racconta Carlocchia – in più non stava bene, ma ancora non era stato individuato il pediatra da assegnargli così l’abbiamo portato in ospedale dove tutti, dal Pronto soccorso, alla pediatria hanno subito mostrato disponibilità  ed elasticità nel capire quale procedura adottare. Il piccolino alla fine aveva la varicella ed è stato mandato poi a casa con la terapia da fare. Queste persone sono arrivate ma non avevano nulla neanche un posto dove andare e sono state ospitate dal Natural village dove speriamo possano ritrovare un po’ di serenità».

aiuti-ucraini-croce-rossa-3-488x650

aiuti-ucraini-croce-rossa-5-650x488



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =