Alta tensione nella Lega,
si dimette il segretario provinciale Merlini

POLITICA - Nessun commento dall’interessato, silenzio tra i leghisti, anche se la notizia è stata diffusa su una chat di partito
- caricamento letture

 

SIMONE-MERLINI-LEGA-MACERATA

Simone Merlini, ex coordinatore provinciale Lega

 

di Luca Patrassi

Simone Merlini si è dimesso dal ruolo di coordinatore provinciale della Lega, al momento ignoti i motivi ufficiali ma l’uscita di scena arriva a ridosso delle elezioni provinciali che hanno provocato diverse polemiche nel partito di Salvini. Nessuna comunicazione dall’interessato, silenzio all’interno della Lega anche se la notizia è stata diffusa su una chat di partito. Merlini era arrivato alla guida provinciale del partito grazie alla scelta fatta nel 2019 dall’allora coordinatore regionale Paolo Arrigoni e tale ruolo aveva conservato anche con l’arrivo del nuovo commissario regionale Riccardo Marchetti.

Ora le dimissioni, che vanno ad inserirsi in un ambiente leghista abbastanza teso per effetto dei risultati delle recentissime elezioni provinciali che hanno visto eletto sì il candidato presidente indicato dalla Lega Sandro Parcaroli ma con al suo fianco una maggioranza in cui il partito di Salvini ha due soli consiglieri, pur avendo potuto contare su un numero di consiglieri elettori tale da portare all’elezione di almeno un terzo consigliere (leggi l’articolo). Insomma un problema di indicazioni evidentemente non rispettate, visto che non è pensabile che si preferisca avere un numero di consiglieri inferiore al possibile con il solo esercizio della divisione dei voti. Possibile quindi che il coordinatore provinciale della Lega Simone Merlini abbia preso atto di questa situazione ed abbia scelto la strada delle dimissioni non gradendo l’azione decisa in altri ambienti. Peraltro il primo dei non eletti della lista di centrodestra è stato il sindaco di Matelica Massimo Baldini, sostenuto, tra gli altri, dal capogruppo regionale del partito di Salvini Renzo Marinelli.

Ciarapica: «In Comune siamo sbigottiti» Sulla maxi inchiesta dei vaccini bluff ecco cosa dicono i nostri parlamentari

 

Provincia, ecco i 12 consiglieri eletti Parcaroli presidente ma non sfonda Nel centrodestra c’è chi ha votato contro

Parcaroli eletto presidente della Provincia «Ora subito al lavoro insieme, ci sono fondi europei da intercettare»

Provincia, affluenza del 77,2% Civitanova e Macerata tirano la volata a Parcaroli (Foto)

In 719 scelgono il presidente della Provincia Sindaci e consiglieri al voto

La visione di Parcaroli sulla provincia: «Un brand unico per il Maceratese, deve attrarre risorse e investimenti»

Calamita affiancato da Ricotta e Capponi: «Ecco come valorizzare la Provincia, non si può solo asfaltare le strade»

Il futuro di Pettinari, ipotesi presidenza della Quadrilatero

Provinciali, ecco la squadra di Calamita: «Ampia rappresentanza» (manca Civitanova)

Provincia, Parcaroli presenta la lista: «Basta divisioni e campanili» (Foto)

Pettinari ai saluti dopo 36 anni: «Risolte numerose questioni Unico rammarico, la discarica»

Presidente della Provincia, il centrosinistra contrattacca con Calamita «Mi sostengono 25 sindaci»

Parcaroli presidente della Provincia, fumata bianca nel centrodestra

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X