Calamita affiancato da Ricotta e Capponi:
«Ecco come valorizzare la Provincia,
non si può solo asfaltare le strade»

IL CANDIDATO presidente del centrosinistra ha presentato il suo programma in vista della sfida del 18 dicembre contro Sandro Parcaroli. Il sindaco di Treia attacca l'amministrazione guidata negli ultimi 10 anni da Antonio Pettinari e puntualizza: «Nessuna nuova discarica, proseguiamo per i prossimi due-tre anni con il sito di Cingoli in attesa del piano della Regione»
- caricamento letture
Calamita_FF-2

La conferenza di oggi a Macerata. Da sinistra Graziano Bravi, Domenico Luciani, Franco Capponi, Mariano Calamita, Narciso Ricotta e Tania Paoltroni

di Luca Patrassi

Le elezioni provinciali si avvicinano e le due coalizioni in lizza si preparano alla sfida finale, quella del voto che sarà espresso dai consiglieri delle tante municipalità maceratesi il prossimo 18 dicembre. Oggi, al bar Mercurio, è stata la coalizione di centrosinistra guidata dal candidato presidente della Provincia Mariano Calamita a presentarsi con relativo programma (LEGGI QUI). Con Calamita c’erano i sindaci di Recanati Antonio Bravi, di Monte San Giusto Andrea Gentili, di Treia Franco Capponi (Italia Viva), di Pollenza Mauro Romoli, il capogruppo dem di Macerata Narciso Ricotta, l’ex sindaco di Petriolo Domenico Luciani (in quota 5Stelle), i recanatesi Tania Paoltroni e Graziano Bravi, il consigliere maceratese di Italia Viva Ulderico Orazi. C’è anche stata una fugace apparizione del consigliere regionale dem Romano Carancini.

Calamita_FF-4

 

Ed è stato il sindaco di Appignano e candidato presidente Mariano Calamita ad introdurre i tempi in discussione per le prossime provinciali: «Abbiamo cercato di fare un percorso unitario, come era già stato fatto per il Cosmari e per l’Ato ma non ci siamo riusciti per la mancata volontà del centrodestra e dunque abbiamo realizzato una lista che unisce in un campo largo le forze del centrosinistra, le civiche e i 5 Stelle registrando il sostegno di 25 sindaci. Il nostro programma è volto alla valorizzazione e alla tutela del territorio maceratese e lo realizzeremo intercettando i fondi europei. Insieme con al centro la persona umana e la libertà per una rinnovata efficienza di una amministrazione capace di lavorare per i cittadini con azioni concertate con gli Enti locali».

Calamita_FF-3-325x219

Al centro Mariano Calamita, sindaco di Appignano e candidato presidente della Provincia

 

Calamita ha sottolineato l’esigenza di dare un contributo unitario alla situazione del servizio idrico che ora vede attivi in provincia ben nove gestori. Narciso Ricotta ha invece affrontato il tema infrastrutture partendo dal capoluogo «penso al completamento dell’intervalliva, al raddoppio del ponte di Piediripa, allo svincolo di San Claudio» ed allargandosi nel territorio con la viabilità di collegamento Nord-Sud e la sistemazione della Regina. Un riferimento è anche stato fatto da Ricotta al potenziamento della viabilità su rotaia con la realizzazione di una metropolitana di superficie a Macerata.

Molto articolato l’intervento di Capponi che ha spaziato sostenendo «la necessità di favorire l’unione del territorio, la collaborazione tra Enti locali superando questo periodo soporifero della Provincia che ha pensato solo ad asfaltare le strade», attaccando l’altro treiese, il presidente uscente Antonio Pettinari ai saluti dopo 36 anni (leggi l’articolo). Quanto al tema rifiuti Capponi ha detto: «Non vogliamo realizzare nessuna nuova discarica, il piano è quello di proseguire per due/tre anni con il sito di Cingoli in attesa del piano della Regione e di una politica di abbattimento della produzione dei rifiuti. Pensiamo a un potenziamento dell’impiantistica partendo dal digesto per la sostanza organica. Non credere a chi parla di termovalorizzatore, c’è una legge regionale che lo vieta». Ha chiuso la serie di interventi l’ex sindaco di Petriolo Domenico Luciani che ha basato il suo intervento sul potenziamento dell’edilizia scolastica – non solo aule ma anche impianti sportivi e adeguamenti vari delle strutture – anche in rapporto alle nuove richieste formative che arrivano dal territorio e sulla rivoluzione verde.

CLICCA PER LEGGERE IL PROGRAMMA

Il futuro di Pettinari, ipotesi presidenza della Quadrilatero

Provinciali, ecco la squadra di Calamita: «Ampia rappresentanza» (manca Civitanova)

Provincia, Parcaroli presenta la lista: «Basta divisioni e campanili» (Foto)

Pettinari ai saluti dopo 36 anni: «Risolte numerose questioni Unico rammarico, la discarica»

Presidente della Provincia, il centrosinistra contrattacca con Calamita «Mi sostengono 25 sindaci»

Parcaroli presidente della Provincia, fumata bianca nel centrodestra

Provinciali, la matassa non si sbroglia: Parcaroli in pole, sindaci dell’entroterra permettendo

Riunione infuocata nel centrodestra, il sindaco Parcaroli furente con il coordinatore della Lega Merlini

Presidenza della Provincia, la Lega punta tutto su Parcaroli Il rischio del fuoco amico

Chi dopo Pettinari? Parcaroli ci prova, Ciarapica più concentrato sul mandato bis Gentilucci e Piergentili gli outsider

Provincia, una poltrona per due Il derby è tra Macerata e Civitanova

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X