facebook twitter rss

La febbre del gioco d’azzardo:
a Civitanova bruciati 31 milioni,
Muccia è riuscita a battere il banco

LUDOPATIA - In un anno nel Maceratese spesi poco più di 467 milioni. Triste primato per la città della costa, in testa nelle Marche: le giocate sono superiori anche ad Ancona. Nel piccolo centro devastato dal terremoto le vincite hanno superato le perdite: un saldo positivo di 329mila euro. I numeri di tutti i Comuni. Intanto la Regione corre ai ripari e vara un piano contro le patologie: sul piatto 3 milioni
giovedì 3 Ottobre 2019 - Ore 19:40 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
240 Condivisioni

 

 

di Laura Boccanera

Ludopatia e gioco d’azzardo, dalla Regione quasi 3 milioni di euro per la prevenzione dal gioco patologico. Varato dal consiglio regionale un piano per il contrasto e la riduzione del rischio da gioco d’azzardo patologico e di nuove tecnologie e social. E dai dati del 2018 emerge Civitanova come capitale del gioco nelle Marche, con 31 milioni di euro bruciati in un anno. Mentre Muccia è uno dei pochi comuni d’Italia che è riuscito a “battere il banco”. 

Francesco Micucci

Nella seduta di martedì è stato approvato il piano triennale che mette a disposizione 5 milioni e 640mila euro per la ludopatia, il 55% delle risorse saranno destinate alla prevenzione. Soddisfatto il consigliere e capogruppo Pd in Regione Francesco Micucci. «Un intervento di prevenzione che prosegue il percorso iniziato con l’approvazione della legge regionale del 2017 della quale sono cofirmatario – dice Micucci -. Purtroppo non possiamo abbassare la guardia nei confronti di un fenomeno in aumento, che nella nostra provincia, quella di Macerata, registra un triste primato. Spero che l’approvazione del piano funga da stimolo a tutti quei comuni che non hanno ancora approvato i regolamenti attuativi della legge regionale 3 del 2017 come il comune di Civitanova». Proprio Civitanova vanta appunto un triste primato a livello regionale,  nelle Marche è la città con l’ammontare complessivo di giocate più alto in assoluto. Ma anche nazionale in quanto è fra le prime 100 città d’Italia per spesa pro capite buttata nelle “macchinette”. Nel 2018, secondo i dati aggiornati dall’Agenzia delle dogane, nelle sale bingo, ricevitorie, sale giochi di Civitanova sono stati versati quasi 174 milioni di euro di giocate. Di questi solo 143 milioni sono tornati in vincite, per una perdita reale per i civitanovesi di 31 milioni di euro. Tanto per rendere l’idea, a Macerata nello stesso anno si sono registrate giocate di poco superiori ai 34 milioni, a fronte di vincite pari a 26 milioni:  un saldo di 8 milioni di passivo per le tasche dei cittadini del capoluogo. Così più o meno anche a Tolentino, dove le giocate sono arrivate a 37,5 milioni, le vincite a 29 milioni e il saldo negativo dunque si è attestato a circa 8,5 milioni.  Un dato singolare riguarda il piccolo centro terremotato di Muccia: qui lo Stato in un anno ha perso 329mila euro, grazie a vincite al gioco del Lotto per 1.400.000 euro, a fronte di 500mila euro di giocate. In totale nel Maceratese in un solo sono stati giocati 467.252.000 euro, con 365.849.000 di vincite: quindi con 107 milioni circa di soldi bruciati.

Tornando alla piccola Las Vegas delle Marche, Civitanova, le videolottery sono il gioco più “gettonato” con una spesa di 104 milioni 659 mila euro, a fronte di vincite per 92 milioni di euro, seguite da Awp (gli apparecchi di intrattenimento) con 28 milioni di euro di giocate e un saldo fra spese e vincite di 8 milioni di euro ai danni delle tasche dei civitanovesi. Subito dopo si colloca il bingo (3 milioni 391 mila euro di saldo attivo per il “banco”) e infine lotterie istantanee (8 milioni e mezzo di giocate, poco più di 6 milioni e mezzo di vincite e un saldo di quasi 2 milioni) lotto (7 milioni di giocate, quasi 5 milioni di vincite e 2 milioni di spesa fisica  ) e scommesse sportive (1milione 880 mila euro a fronte di vincite per un 1 milione e 300 mila euro e un saldo di un milione e mezzo). Con una spesa procapite di 4mila euro Civitanova si colloca fra le prime 80 città in Italia per gioco d’azzardo. Al primo posto Caresanablot in provincia di Vercelli, paese di appena 1132 abitanti che si ritrova con una spesa pro capite di 28mila euro, ma che in termini assoluti gioca “appena” 32 milioni di euro, a fronte dei 173 milioni di euro giocati a Civitanova.

Il dettaglio di Civitanova 

 

I numeri degli altri comuni della provincia 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X