Pokerissimo al Legnago,
il Matelica guarda in alto (Foto)

LEGA PRO - I biancorossi sono straripanti all'Helvia Recina: doppietta di Leonetti, gol di Balestrero, Moretti e Volpicelli. Tre vittorie in otto giorni per gli uomini di Colavitto, che ipotecano la salvezza e iniziano a pensare concretamente ai playoff
- caricamento letture

 

Matelica_Legnago_FF-8-650x432

Un’esultanza del Matelica, battuto il Legnago 5 a 1

 

di Andrea Cesca (foto di Fabio Falcioni)

Pokerissimo del Matelica. La squadra di Gianluca Colavitto batte per 5 a 1 il Legnago Salus ed ipoteca la salvezza.

Matelica_Legnago_FF-16-325x216I biancorossi, al terzo successo consecutivo in otto giorni, si impongono grazie alle reti di Leonetti (doppietta), Balestrero, Moretti e Volpicelli. La squadra veneta, in crisi di risultati e di gioco, è sembrata davvero poca cosa. Al termine della stagione regolare mancano nove giornate e con 42 punti dopo 29 partite il Matelica può cominciare a pensare ad un piazzamento in zona playoff.

Matelica_Legnago_Gol2-0_FF-14-325x216Gianluca Colavitto conferma per otto undicesimi la formazione titolare che ha espugnato lo stadio “Bruno Benelli” di Ravenna: Volpicelli, Zigrossi e Tofanari prendono il posto di Peroni, Magri e Fracassini. Il Legnago Salus, unica squadra del girone insieme al Ravenna a non aver mai vinto in trasferta, ha messo insieme un solo punto nelle ultime sette partite ed è scivolata in terzultima posizione di classifica. La squadra veneta, con sole 19 reti realizzate, ha l’attacco meno prolifico del girone (in tutta la Serie C solo la Cavese ha segnato di meno). Tra i biancoazzurri Perna e Bondioli, entrambi ex Maceratese, tornano a calcare il manto dell’Helvia Recina. Il Matelica scende in campo con il consueto 4-3-3, mentre nel 3-4-3 del Legnago Zanoli a destra e Ricciardi a sinistra fanno l’elastico tra difesa e centrocampo.

Matelica_Legnago_FF-10-308x400Nei primi minuti i veneti collezionano tre calci d’angolo, su uno di questi Antonelli di testa sfiora la traversa. Al primo vero affondo (11’) il Matelica sblocca il risultato: Calcagni appoggia per Leonetti, il numero 10 del Matelica braccato in area da due avversari piazza la palla con il destro nell’angolo basso alla sinistra di Pizzignacco (1 a 0). Tre minuti dopo Calcagni, sempre nelle vesti di uomo assist, serve Balestrero il tiro viene parato a terra da Pizzignacco. Nel frattempo si fa male Alberti, l’attaccante non recupera e al suo posto fa il proprio ingresso in campo Moretti. Il Legnago torna a farsi insidioso nell’area di rigore avversaria poco dopo la mezzora con Rolfini, la conclusione non inquadra lo specchio della porta. I padroni di casa trovano la via del raddoppio al 38’: sugli sviluppi di una combinazione Volpicelli-Leonetti la difesa del Legnago si fa trovare impreparata, la palla finisce sui piedi di Balestrero, per il numero 11 è un gioco da ragazzi depositare la sfera in fondo al sacco (2 a 0). Prima del riposo il Matelica, con Leonetti, va vicinissimo alla terza segnatura.

Matelica_Legnago_FF-1-265x400Il 3 a 0 è rimandato all’inizio della ripresa. Le due squadre fanno appena in tempo a tornare sul terreno di gioco che Moretti con il destro manda la palla ad infilarsi sotto l’incrocio dei pali. Il decimo calcio di rigore fischiato contro il Matelica dopo 12’ consente al Legnago di accorciare le distanze: l’arbitro punisce con la massima punizione l’intervento di De Santis ai danni di Chakir, Grandolfo sul dischetto degli undici metri calcia forte e supera Cardinali (3 a 1). Il Matelica ha subito le occasioni per ristabilire le distanze, ma prima Moretti calcia malamente, poi Pizzignacco si esalta su un colpo di testa ravvicinato di Zigrossi. La partita scende di intensità, il Legnago con Buric manca l’opportunità di tornare in partita. Sul fronte opposto Leonetti impatta male la palla di testa su cross di Balestrero. Il numero 10 si riscatta all’84’ quando devia in fondo al sacco il 4 a 1. Passano due minuti e Volpicelli con un gran tiro con il sinistro piega le mani a Pizzignacco per il definitivo 5 a 1. Dopo il triplice fischio di chiusura la squadra va sotto la tribuna a prendersi gli applausi dei (pochi) presenti. Domenica prossima all’Helvia Recina arriverà la capolista Padova.

Il tabellino:

MATELICA (4-3-3): Cardinali 6; Tofanari 6, Zigrossi 6, De Santis 6, Di Renzo 6 (22’ st Maurizii ng); Calcagni 6,5 (22’ st Bordo ng), Pizzutelli 6 (22’ st Mbaye ng), Balestrero 7; Volpicelli 6,5, Alberti ng (16’ pt Moretti 6,5), Leonetti 7 (39’ st Peroni ng). A disp.: Martorel, Fracassini, Barbarossa, Santamarianova, Magri, Franchi. All. Gianluca Colavitto 7.

LEGNAGO SALUS (3-4-3): Pizzignacco 5,5; Pellizzari 5,5 (39’ pt Buric 5,5), Perna 5,5, Bondioli 5,5; Zanoli 5,5 (40’ st Girgi ng), Antonelli 5,5 (34’ st Giacobbe ng), Bulevardi 5,5 (40’ st Lovisa ng), Ricciardi 5,5; Grandolfo 6, Rolfini 5,5 (1’ st Chakir 6), Morselli 5,5. A disp.: Pavoni, Corvi, Stefanelli, Ruggero, Mazzali. All.: Massimo Bagatti 5,5

Arbitro: Baratta di Rossano 6 (Agostino-Di Maio)

Reti: 11’ pt Leonetti (M), 38’ pt Balestrero (M); 1’ st Moretti (M), 12’ st rig. Grandolfo (L), 39’ st Leonetti (M), 41’ st Volpicelli (M)

Note: gara a porte chiuse. Ammoniti Tofanari, Volpicelli, Bulevardi. Calci d’angolo: 3 a 2 per il Legnago. Recupero: 4’ (1′ p.t. + 3′ s.t.)

Matelica_Legnago_Gol2-0_FF-15-650x432

Matelica_Legnago_FF-5-650x432

Matelica_Legnago_FF-6-650x432

Matelica_Legnago_FF-7-650x432

Matelica_Legnago_FF-3-650x432

Matelica_Legnago_AzioneGol_FF-4-650x432

Matelica_Legnago_FF-2-650x432

Matelica_Legnago_FF-9-650x432

Matelica_Legnago_FF-11-650x432

Matelica_Legnago_FF-12-650x432

Matelica_Legnago_FF-13-650x432

Matelica_Legnago_FF-17-650x432

Matelica_Legnago_FF-18-650x432



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X