Variante Amadori,
in Consiglio l’ok definitivo

CIVITANOVA - Martedì sera si riunisce di nuovo l'assise comunale. Dieci punti all'ordine del giorno, Brini pungola sulle bollette dell'acqua: «Dove è finito lo sconto del 20% stabilito dalla giunta?»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Consiglio comunale, torna in discussione la variante Amadori. Fissato per martedì prossimo il nuovo consiglio comunale di Civitanova. Dieci i punti all’ordine del giorno, fra cui alcune mozioni di maggioranza e minoranza. consiglio-comunale-maggio19-votazione-maggioranza-civitanova-FDM-325x193La prima quella di Yuri Rosati del Pd datata febbraio 2020 quando il consigliere proponeva, sulla scia della recente morte del campione di basket Kobe Bryant, di far realizzare un murales con il viso dell’atleta americano sul lato sud dell’ex casa balilla. La seconda mozione invece, della maggioranza, è stata protocollata nel giugno scorso e chiede il potenziamento dell’ospedale civitanovese. Tra le mozioni anche una a firma Mirella Franco che chiede di intitolare il Varco a mare a Nilde Iotti. Ma è sui punti da votare che la maggioranza, agitata da un rimpasto ancora in stand by, potrebbe mostrare frizioni e attriti. In particolare su quelle di urbanistica, l’assessorato di Fausto Troiani, la cui posizione è in forse. Dopo l’approvazione della variante così detta Amadori che ha ratificato la modifica dalla destinazione ricettivo turistica a commerciale, va in discussione l’esame delle osservazioni per l’approvazione definitiva. E qui potrebbero emergere dei distinguo in maggioranza o assenze strategiche. Forza Italia infatti è intenzionata ad andare dritta e portare a termine l’adozione della variante, ma in maggioranza non tutti sembrano essere dello stesso avviso. Da ratificare poi l’accordo di programma in variante tra la Provincia di Macerata e il Comune di Civitanova per l’attuazione di un intervento urbanistico di riqualificazione dell’area “ex Liceo Scientifico” dopo la vendita al privato. Infine i due regolamenti che si trascinano da oltre un anno: quello per la refezione scolastica e quello sul gioco d’azzardo a contrasto della ludopatia. In attesa del consiglio Ottavio Brini torna ad insistere sui salassi in bolletta per le utenze dell’acqua: «in nessuna bolletta c’è il famoso sconto del 20% annunciato dalla giunta per il Covid – dice – non mi interessa sapere se c’è un errore o di chi sono le responsabilità, ma perché non è stato applicato. Se fosse applicato alla prossima bolletta finirebbe a gennaio e invece poteva essere scontata adesso».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X