Militello diverte, Buffa fa sognare:
a Overtime «lo sport va oltre
il suo significato originario»

MACERATA - L'interpretazione degli striscioni dell'inviato di Striscia la notizia e i racconti dello storyteller e telecronista hanno riempito piazza della Libertà di leggerezza ed emozioni. Oggi alle 16,30 il festival si chiude da Vere Italie con la consegna del premio etica sportiva a Raffaele Kohler, il trombettista che ha suonato “O mia bela Madunina” dalla sua finestra durante il lockdown
- caricamento letture

 

Overtime_Buffa_FF-3-650x434

Federico Buffa sul palco di Overtime in piazza della Libertà

 

di Giulia Mencarelli (foto Fabio Falcioni)

Non su canale 5 ma sul palcoscenico di Macerata. Un’interminabile carrellata di striscioni comici, soprattutto con l’interpretazione di Cristiano Militello, riempe la greensquare di Overtime di comicità e necessaria leggerezza. “Cartelli d’Italia. Il diario”, moderato da Nicola Calzaretta anticipa l’attesissimo Federico Buffa. Da vero sportivo, nell’attesa, aiuta la squadra di Overtime a sanificare e sistemare le sedie per il suo stesso spettacolo e a farsi paparazzare assieme ai piccoli tifosi accorsi per rubare uno scatto al loro telecronista preferito.  «La convinzione che lo sport vada oltre il suo significato originario, riuscendo a portare speranza dove non arriva nient’altro».

Overtime_Buffa_FF-7-325x217

Federico Buffa

Lo storyteller sportivo mescola emozione in ogni racconto condiviso con la platea. Come la potenza dello sport nel togliere i ragazzi dalla strada. Da Pelè, considerato il più grande goleador di sempre, a Maradona, passando per nomi che hanno fatto la storia non solo nel calcio ma anche basket con Micheal Jordan e nel pugilato con Muhammad Ali. Chi ben inizia è a metà dell’opera. Overtime, per l’appunto, ha aperto la giornata con una ricca “Colazione con l’autore”, in occasione della presentazione del libro “Harlem – You Write The Rules” con Luca Leone, Francesca Cipolloni e il fotografo Rossano Ronci. E dalla colazione, il Festival, si piega anche alle degustazioni con MyMarca e Cantina Benforte di Cupramontana. Degustati assieme a Filippo Solibello, Marco Ardemagni e Cesare Lapadula  in occasione di “MilanoTornaInCampo”.

Overtime_Buffa_FF-6-325x217 Mentre lo sport si stava svolgendo, nell’effettivo, con il quarto torneo overtime Old Rugby – Memorial Elia Giaglione, targato Banca Macerata Rugby, nell’overtime arena, “Maxime: cuore ed energia”, procedeva alla consegna del premio etica sportiva Overtime Festival 2020, con l’Ospite dell’incontro il rugbista Maxime Mbanda. Moderato da Edilio Venanzoni e Dario Ricci. A seguire un immediato tuffo negli “anni ’70 e ’80 del calcio italiano tra piazze e cortei” con gli ospiti Sandro Bonvissuto, Angelo Carotenuto, Fulvio Paglialunga e Cesare Lapadula (Delegato Ais Macerata). Lo sport, spesso fatto di obbiettivi e sogni, porta a Macerata “Non dire addio ai sogni” con l’autore Gigi Riva. Oggi ultimo appuntamento alle 16,30 da Vere Italia con “La musica sconfigge solitudine e paura”. Consegna del premio etica sportiva Overtime Festival 2020 a Raffaele Kohler, il trombettista che ha suonato “O mia bela Madunina” dalla sua finestra durante il lockdown. Ospiti dell’incontro Gianfelice Facchetti e i musicisti Raffaele Kohler e Luciano Macchia. Modera Andrea Capretti(Radio Sportiva).

Overtime_Buffa_FF-10-650x434

Overtime_Buffa_FF-8-650x434

Overtime_Buffa_FF-13-650x434

Overtime_Buffa_FF-12-650x434

Overtime_Buffa_FF-5-650x434

Overtime_Buffa_FF-2-650x434

Overtime_Buffa_FF-1-650x434

Pif, il “goffo” che crede in Dino Zoff: «Per me il vero sport è essere papà»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =