Supercoppa, Lube in finale:
Trento si arrende al Golden Set

VOLLEY - I biancorossi restituiscono agli avversari il 3 a 2 della gara d'andata e trionfano nel parziale decisivo in un Eurosuole Forum che poteva contenere mille spettatori. In poco più di 500 hanno spinto Juantorena e compagni in un match al cardiopalma, venerdì la finale a Verona contro Perugia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-14-650x433

Esulta Osmany Juantorena, il capitano della Lube, per la vittoria contro Trento

 

di Mauro Giustozzi (foto di Federico De Marco)

La Lube raggiunge la finale di Supercoppa che si giocherà venerdì prossimo al palasport di Verona alle ore 21,30 contro Perugia.

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-17-325x217Trento mastica amaro essendo arrivata vicinissima all’impresa ma conferma la sua tradizione negativa all’Eurosuole Forum dove ha perso le ultime 13 gare disputate. Quella che di solito è una partita-maratona del volley italiano stavolta lo è stata ancor di più: ci sono voluti ben 6 set per definire la squadra che approda alla finale. Per la quarta sfida consecutiva nell’anno solare la partita si è prolungata al tie-break, segno del grande equilibrio che c’è tra i due sestetti. Squadre che si sono equivalse nei numeri ma anche negli errori commessi, con Giannelli, Abdel Aziz e Michieletto da una parte, Simon, Rychlicki e Juantorena dall’altra tra i maggiori protagonisti.

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-15-325x217La sfida infinita è della Lube che con una rimonta imperiosa nel tie-break fa suo il Golden set che vale la finalissima di Supercoppa. Una gara che ha condensato il meglio ma anche i tanti errori di due formazioni lontane dalla miglior condizione ma che sicuramente saranno grandi protagoniste della stagione che sta per iniziare. Entrambe le squadre hanno giocato a corrente alternata, con alla fine Civitanova che si è fatta preferire un po’ in tutti i fondamentali e che ha avuto dai suoi giocatori più esperti la zampata vincente. Come Simon, mvp della gara, che ha chiuso con un portentoso 64% in attacco e 4 muri, ben coadiuvato al centro da Anzani (5 muri). Oppure un Rychcliki che si è dimostrato forse il più continuo della banda di Fefè De Giorgi, (62% in attacco). O anche Juantorena, magari meno continuo che in altre occasioni ma sempre presente sulle palle decisive. Sul fronte Itas, Lorenzetti si può consolare sulla crescita esponenziale del giovane talento Michieletto, un predestinato, ma anche sulla ottima tenuta di una squadra in costruzione sulla quale deve innestare due campioni come Lucarelli, entrato per pochi scambi, e Lisinac oggi assente.

 

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-8-650x434

Il tifosi della Lube sugli spalti

 

Riapre dopo 7 mesi l’Eurosuole Forum e ancora con la sfida contro Trento che era stata l’ultima partita disputata nell’impianto civitanovese prima della chiusura anticipata della stagione e conseguente lockdown.

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-1-325x217

I controlli all’ingresso

Il marchigiano Lorenzetti conferma il sestetto dell’andata, anche se riappare in panchina Lucarelli mentre è ancora out Lisinac. Lube nell’assetto tipo, con la sola defezione all’ultimo momento di Diamantini per problemi ad un occhio.  I primi due strappi del parziale giungono grazie al servizio Lube: prima con Simon il break del 7-4, ricucito da Giannelli & soci, subito dopo è De Cecco dai nove metri a fare male ai dolomitici, coi biancorossi che allungano 10-6. Le squadre battono a tutto braccio ed è proprio il servizio a fare la differenza, in questa fase, per i marchigiani. Lube che dall’alto di un ottimo cambio palla tiene in pugno la sfida: quando Anzani alza il muro del 17-12 si comprende che il parziale sta prendendo la direzione di Civitanova: chiude una battuta sparata out dell’ex Podrascanin.

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-13-325x217Secondo set che non cambia: bordate dal servizio che prima esaltano l’Itas ma a cui risponde prontamente Civitanova con un break che rovescia punteggio (6-4) e inerzia della sfida: protagonisti Leal e Rychlicki. Parziale equilibrato che l’Itas prova a comandare col solito Abdel-Aziz (7 punti e 75% nel set) che si fa sentire in attacco e porta i suoi sull’8-11. Risponde la Lube col servizio di Juantorena ed il muro di Anzani che riporta in perfetta parità il punteggio. Due consecutivi errori in attacco dell’ex Kooy lanciano Civitanova sul 15-12: De Giorgi scarica in campo dalla panchina anche Hadrava, Falaschi e Kovar per far rifiatare per qualche scambio la diagonale palleggiatore-opposto e Leal. Civitanova cala in attacco (33%) e subisce la rimonta dei dolomitici, nonostante il rientro in campo dei titolarissimi. E’ il servizio di Michieletto che fa la differenza, poi Kooy (6 punti e 50%) e Podrascanin chiudono i giochi per l’1-1. Nel terzo la Lube prova a riprendersi il comando delle operazioni: il servizio di Rychlicki e la pipe di capitan Juantorena scavano l’11-8.

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-11-325x217Ma è battaglia su ogni pallone, con Abdel-Aziz che con le sue battute riporta in scia Trento. Il break per i biancorossi arriva allora dal muro di Anzani (gran protagonista del parziale con 2 muri e tanti tocchi a rete) su Abdel-Aziz, una palla sparata out da Michieletto e l’ace di Simon (16-11). Apparizione per un servizio sparato in rete del brasiliano Lucarelli, ma Trento non molla: con Kooy spaventa la Lube (21-19), ma poi entra in azione Simon (100% in attacco) che con due ace consecutivi spalanca le porte del successo ai cucinieri. 2-1 timbrato da Rychlicki. Marchigiani ora ad un passo dalla finalissima di Verona. Ma l’Itas non vuol uscire di scena troppo presto e nel quarto non regala nulla ai padroni di casa (6-9). Allora De Giorgi si gioca la carta Yant per Leal stanco. Podrascanin allunga a muro il vantaggio ospite, il servizio degli ospiti risulta indigesto alla ricezione biancorossa (9-15). Lube costretta a rincorrere, con Leal che torna in campo. Padroni di casa poco lucidi, ospiti determinatissimi ad andare a prendersi il tie-break che deciderà se la sfida si allungherà o meno al Golden set.

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-10-325x217Stavolta è Civitanova che non vuole uscire dal taraflex: due ace di Rychlicki fissano il 5-1 di partenza. Una montagna troppo alta da scalare anche per l’Itas che non riesce a sfruttare l’occasionissima di volare alla finale. Si gioca il Golden set. Palla su palla, tensione alle stelle, e anche tanti errori. Doppio Leal per il 9-7: Kooy riporta tutto al punto di partenza (11-11) per un finale incandescente. Deciso da Rychlicki e un muro di capitan Juantorena, anche se a sbagliare l’ultima palla il giovanissimo ma bravissimo Michieletto dell’Itas.

Il tabellino:

CIVITANOVA – TRENTO 4-2 (25-18, 22-25. 25-19, 20-25, 15-11, 15-12) al Golden set

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Anzani 9, Rychlicki 13, Leal 19, Simon 18, De Cecco 2, Juantorena 16, Balaso (L), Falaschi, Hadrava, Kovar, Yant . NE.: Marchisio (L), Larizza. All. De Giorgi.

ITAS TRENTINO: Cortesia 7, Abdel-Aziz 22, Kooy 22, Podrascanin 7, Giannelli 9, Michieletto 13, Rossini (L), De Angelis, Sperotto, Lucarelli 1, Sosa Sierra, Argenta. NE.: Acuti, Bonatesta (L),. All. Lorenzetti.

ARBITRI: Cesare e Vagni.

NOTE: spettatori 529, incasso 11356,50. Durata set: 23’, 31’, 26’, 25’, 19’, 17’ totale 141’. Lube: bs. 24, v. 10, m. 15, e. 21. Itas: bs. 36, v. 7, m. 10, e. 35.

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-7-650x433

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-6-650x434

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-5-650x434

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-4-650x434

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-3-650x434

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-2-650x433

 

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-18-650x488

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-16-650x433

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-12-650x434

lubevolley-trentino-civitanova-FDM-9-650x434



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X