Da Elena e Caligola
a “Canzoni all’osso” di Capossela:
su il sipario all’anfiteatro romano

URBISAGLIA - La XXXI edizione di Teatro Classico Antico: quattro gli spettacoli, si inizia il 15 luglio. E tre appuntamenti in collaborazione con Borgo Futuro e Form. Ecco il programma completo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
anfiteatro-urbisaglia1-325x244

La platea dell’anfiteatro di Urbisaglia

 

Nonostante le difficoltà del momento, con entusiasmo e in sicurezza, trova inizio, nella splendida cornice dell’Anfiteatro romano di Urbisaglia, la XXXI edizione di Teatro Classico Antico con una proposta di spettacoli che coniuga le migliori esperienze artistiche nazionali ai lavori di giovani talentuosi del teatro made in Marche. Fiore all’occhiello nel panorama del teatro classico, la stagione di Urbisaglia propone, grazie alla collaborazione con Amat, un rinnovato appuntamento con il Tau – Teatri Antichi Uniti – dove le ricchezze archeologiche si mescolano al contenuto culturale delle opere teatrali classiche. Inaugura il programma, in anteprima nazionale, il 15 luglio Elena, interpretata da Elisabetta Pozzi che dà voce, nel magnifico monologo lirico di Ghiannis Ritsos, a “un’altra Elena” lontana dell’immagine che la tradizione ci ha lasciato. Si prosegue il 22 luglio con il Caligola di Vinicio Marchioni, unico interprete e corpo di un Caligola disperato, filosofo e poeta metafora di vita e morte. A Massimo Venturiello è affidata il 3 agosto l’interpretazione di Aulularia di Plauto, una delle commedie che più ha influenzato il teatro seicentesco e il cinema moderno. Ancora un appuntamento l’8 agosto con Sergio Leone in Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar, con la regia di Antonio Mingarelli.

Al programma Tau, da sempre caratterizzante la Stagione di Urbisaglia, si aggiungono quest’anno delle importanti collaborazioni con Borgo Futuro Festival e l’Orchestra filarmonica marchigiana.
Nata da una esigenza di sviluppo locale integrato siglata nel Pil “Valle del Fiastra: luogo di esperienze” i Comuni di Urbisaglia, Colmurano, Ripe San Ginesio, Loro Piceno e Sant’Angelo in Pontano hanno deciso di “contaminarsi” e condividere lo spirito di Borgo Futuro. Per questa occasione l’anfiteatro ospiterà il 19 luglio l’artista e poeta Vinicio Capossela in “Canzoni all’osso” e il 2 agosto il Teatro Rebis con un attuale Chant d’amour di Andrea Fazzini.
La rassegna terminerà il 10 agosto con l’opera “Beethoven 5, Musica per la notte di San Lorenzo” dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta da David Crescenzi.
Tra intrecci comici, sentimenti sempre attuali, solitudini, drammi e complessità dell’animo umano la stagione di Teatro Classico all’Anfiteatro arricchirà l’offerta culturale dell’estate marchigiana consentendo inoltre di apprezzare il patrimonio storico di questa terra preziosa. Per godere degli eventi in sicurezza e in rispetto della nomartiva antiCovid si consiglia l’acquisto dei biglietti su www.vivaticket.it e su www.ciaotickets.com. Gli spettacoli avranno inizio alle 21,30 ma si prega di recarsi all’Anfiteatro almeno un’ora prima. Per informazioni 0733 506566.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X