Covid hospital “galleggiante”
I 100 posti di terapia intensiva
si faranno su una nave

IL TRAGHETTO Af Claudia di Alberto Rossi, da ormeggiare al porto di Ancona, è l'ipotesi più probabile rispetto al PalaIndoor. Ora servono i 12 milioni di euro per portare a termine il progetto
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
covid19-Bertolaso-DSC_0588--325x217

Il sopralluogo di lunedì con al centro l’armatore Rossi e il governatore Luca Ceriscioli

 

di Martina Marinangeli

Tra le due ipotesi al vaglio della Regione dopo i sopralluoghi con l’ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso di lunedì, quella più accreditata pare proprio essere la nave Af Claudia dell’armatore Alberto Rossi, rientrata ieri nel porto dorico. Sarebbero a bordo del traghetto gli spazi più adeguati per allestire, in tempi da record – due settimane al massimo – i 100 posti di terapia intensiva per i pazienti colpiti da Coronavirus, secondo la consulente tecnica di Bertolaso, Patrizia Arnosti.  L’ufficialità è attesa entro le prossime ore. Più spazioso del Palaindoor – altra struttura individuata come adeguata dall’ex capo della Protezione civile – il ‘covid hospital galleggiante’, che sarebbe ormeggiato ad una delle banchine del porto di Ancona, avrebbe anche l’altro, non indifferente, aspetto positivo di potersi spostare in caso di necessità, in altre regioni o anche in altri Paesi.

ceriscioli-bertolaso

Bertolaso con Ceriscioli durante il sopralluogo di lunedì

Il traghetto dispone di 6.500 metri quadrati distribuiti su sette ponti (più uno sopraelevato) e può garantire impianti di estrazione d’aria ed elettricità che farebbero invidia ad un ospedale canonico. Andrà ovviamente dotata della strumentazione necessaria alla nuova attività, come ad esempio i respiratori: di qui, la necessità di reperire 12 milioni di euro per portare a casa l’ambizioso progetto. Già lo scorso lunedì, il governatore Luca Ceriscioli aveva lanciato un appello ai maggiori imprenditori marchigiani per raccogliere le risorse necessarie ed alcuni hanno già risposto alla chiamata alle armi, come ad esempio il gruppo della grande distribuzione Gabrielli, che ha messo sul piatto un milione di euro. Inizialmente, tra i siti presi in considerazione c’erano anche l’ex Tubimar e l’ex Carbonile, collocati entrambi in zona portuale. Nel frattempo però Bertolaso ieri ha comunicato di essere risultato positivo al Covid-19 e Ceriscioli, che lunedì c’era stato a stretto contatto proprio durante il sopralluogo ad Ancona, è in quarantena, così come il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovicenzo e il presidente dell’Authority portuale Giampieri. Sia Bertolaso che Ceriscioli hanno assicurato che il progetto andrà avanti comunque.

 

Covid, Bertolaso ad Ancona: «Cento posti di terapia intensiva in una nave o al PalaIndoor» (Video)

Bertolaso: «Sono positivo al Covid-19, continuerò a coordinare i lavori per le Marche»

«La quarantena non ci ferma, il progetto con Bertolaso continua» (Video)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X