Appello di Luciani alla Regione:
«Sospendere eventi e chiudere scuole,
non aspettiamo casi certi di coronavirus»

IL SINDACO di Petriolo ha dato disposizioni per aumentare la guardia nel territorio comunale ma invita il governatore Ceriscioli e l'assessore Sciapichetti a prevedere misure valide in tutte le Marche: «Visto il precipitare della situazione coronavirus delle ultime ore nelle regioni del Nord Italia, credo che non si possa più escludere che il virus stia già circolando da noi»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Domenico Luciani

 

«Ho chiesto al presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli e all’assessore regionale alla Protezione civile Angelo Sciapichetti di valutare in via precauzionale l’adozione di ulteriori misure idonee a prevenire il diffondersi del contagio del coronavirus come la sospensione degli eventi pubblici e la chiusura delle scuole su tutto il territorio regionale, senza aspettare che ci siano casi accertati. Al momento, tali azioni, fatte in modo isolato come singolo Comune, non appaiono opportune ed efficaci. La situazione sarà rivalutata in funzione dell’evolvere della situazione». A parlare è Domenico Luciani, sindaco di Petriolo, preoccupato dal diffondersi del coronavirus nel Nord Italia. Al momento nelle Marche non ci sono casi sospetti né accertati e il governatore Ceriscioli, ribandendo le linee guida del ministero per la Salute, ha invitato la popolazione a limitare gli spostamenti e ad evitare luoghi affollati (leggi l’articolo).

«Visto il precipitare della situazione coronavirus delle ultime ore nelle regioni del Nord Italia, credo che non si possa più escludere che il virus stia già circolando nella nostra Regione – sostiene Luciani -. Il fatto che non sia stato ancora accertato alcun caso non ci esime dal tenere alta la guardia: questa mattina mi sono confrontato con i consiglieri di maggioranza sulle opportune azioni da intraprendere per prevenire la diffusione del contagio. Abbiamo convenuto che occorre sensibilizzare maggiormente le persone sui giusti comportamenti da adottare: lavarsi frequentemente e accuratamente le mani, evitare di portare le mani agli occhi, alla bocca o al naso e mettere in atto tutte le indicazioni previste dal decalogo diffuso dal Ministero della Salute. Invito tutti coloro che hanno sintomi influenzali a non frequentare luoghi pubblici e a mettersi in contatto con il proprio medico di base o con la guardia medica. In particolare, come datore di lavoro ho dato indicazioni ai responsabili del comune di fare una valutazione del rischio di contrarre l’infezione. Come Sindaco ho dato indicazione loro di potenziare la pulizia delle superfici dei luoghi e dei mezzi comunali».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X