Coronavirus, kit ai medici di base
«Tra le precauzioni l’isolamento a casa»

ALLERTA - Da domani in arrivo mascherine, occhiali protettivi e camici usa e getta. Romano Mari, presidente dell'Ordine dei medici di Macerata: «Non vanno fatti allarmismi ma bisogna tenere alta l’attenzione. A chi è stato a fiere o manifestazioni e sospetta contatti con persone che provengono da zone a rischio suggerisco di rimanere nella propria abitazione e sotto controllo medico»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
romano-mari-1-650x451

Romano Mari

 

 

«Chi è tornato da fiere a Milano e Verona chiama per avere consigli, io suggerisco, in caso si sospetti di avere avuto contatti con persone venute da zone a rischio, l’isolamento domiciliare e poi i controlli giorno per giorno per vedere se si manifesta una qualsiasi forma infiammatoria. Non bisogna fare allarmismi ma è giusto avere la massima attenzione». Così il presidente dell’Ordine dei medici di Macerata, Romano Mari, che fa il punto sul Coronavirus e le precauzioni da prendere. Intanto da domani tutti i medici di Medicina generale saranno dotati di kit con mascherine, occhiali protettivi, camici usa e getta. «Inoltre tutti noi medici del distretto avremo una scheda unica con un codice comportamentale su un paziente che ha un sospetto o che si presenta in ospedale con forme influenzali e che viene da territori che posso essere infetti o che può essere stato a contatto con persone che vengono da zone endemiche» spiega Mari. Il medico ai suoi pazienti che chiamano «di ritorno da fiere, a Milano o a Verona, e mi chiedono consigli, suggerisco se pensano di aver avuto contatti con persone che vengono da zone infette, la cautela domiciliare. E in quel periodo poi si controlla se si manifesta qualche sintomo. Devo dire che noi medici abbiamo il supporto della direttrice del distretto, Giovanna Faccenda, del primario di Malattie infettive, Alessandro Chiodera e del direttore del 118 Ermanno Zamponi. Con loro mi capita di confrontarmi frequentemente ed è importante perché in questo modo riusciamo a coordinarci». Per quanto riguarda le precauzioni, molti stanno acquistando prodotti disinfettanti, come l’amuchina, «è giusto. Giusto anche disinfettare gli oggetti, maniglie, tavoli. Ma la cosa principale è lavarsi spesso le mani. Inoltre bisogna fidarsi delle informazioni che vengono date dalle autorità sanitarie e in situazioni di difficoltà chiamare il medico di famiglia, il 112 o il 1500». Chi può avere problemi per il virus? «Il paziente diabetico, lo scompensato, il cardiopatico ha un rischio maggiore da quello che siamo riusciti a capire dalle informazioni che ci vengono date».

(Gian. Gin.)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X