facebook twitter rss

Colpo di coda della Cassazione:
annullate le assoluzioni
di Spacca, Comi e Bugaro

PROCESSO - I giudici hanno rinviato il procedimento alla Corte d'Appello di Perugia anche per l'ex capogruppo di Sel Massimo Binci e l'ex addetto al gruppo Pd Oscar Roberto Ricci. E' l'ennesimo colpo di scena di una vicenda giudiziaria infinita
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
71 Condivisioni

foto d’archivio

 

‘Spese facili’ del Consiglio Regionale: la Cassazione annulla la sentenza con cui la Corte d’Appello aveva assolto l’ex governatore Gian Mario Spacca, l’ex vicepresidente dell’Assemblea legislativa Giacomo Bugaro, l’ex segretario regionale Pd Francesco Comi, l’ex capogruppo di Sel Massimo Binci e l’ex addetto al gruppo Pd Oscar Roberto Ricci. La decisione dei giudici ermellini è arrivata questo pomeriggio, accogliendo dunque il ricorso presentato dal procuratore generale Sergio Sottani. Con l’annullamento del verdetto, la Cassazione ha rinviato il processo alla Corte d’Appello di Perugia. Si ricomincia dal secondo grado, dove i giudici dovranno vagliare le singole contestazioni mosse ai cinque, accusati di peculato. Spacca, Comi, Bugaro, Binci e Ricci facevano parte dei 66 rappresentanti del Consiglio Regionale finiti nel mirino della procura. In primo grado, avevano deciso di procedere con il rito abbreviato. E a settembre 2016 era arrivata l’assoluzione. In appello ci si è arrivati con l’impugnazione della procura. Ma anche in secondo grado i cinque sono stati assolti. Il verdetto è dello scorso febbraio. Con la sentenza della Cassazione, è ancora tutto in ballo. Proprio la Cassazione aveva annullato i proscioglimenti con cui il gup Francesca Zagoreo aveva scagionato 61 persone, tra ex consiglieri e addetti ai gruppi. Si è dunque proceduto a una nuova udienza preliminare con 60 imputati (l’ex Idv Andrea Filippini è definitivamente uscito dal processo): cinque hanno fatto l’abbreviato e in 55 sono stati rinviati a giudizio lo scorso novembre. I riti alternativi hanno riguardato Francesco Acquaroli, Lidio Rocchi, Stefania Benatti, Adriana Mollaroli e Giovanni Zinni. Solo Acquaroli è stato assolto.

 

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X