Ricostruzione Castelsantangelo,
in campo un team “All Star”:
«Saremo cacciatori di incubi e desideri»

SISMA - Protocollo d'intesa con la squadra capitanata da Stefano Boeri, un progetto senza precedenti che potrà essere la "pagina mastro" per tutti i borghi del Centro Italia distrutti. L'architetto: «Lavoreremo uniti per un modello che farà scuola»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Castelsantangelo.-La-presentazione-del-progetto-per-la-pianificazione-attuativa-pist-sisma-3-650x488

La presentazione del progetto per la pianificazione attuativa post sisma. Da sinistra: Cesare Spuri, Andrea Spaterna, Angelo Sciapichetti, Mauro Falcucci, Stefano Boeri e Marta Mazza

 

di Maurizio Verdenelli (foto di Luciano Carletti)

E’ come se Juventus, Real Madrid, Barcellona avessero deciso di giocare in Promozione. O meglio, visto che dovranno fare squadra insieme, è come se CR7 e Lionel Messi indossassero la stessa divisa in un campetto di periferia. Tuttavia, se il contesto sarà necessariamente limitato – presenti sugli spalti, al massimo 270: tutti gli abitanti di Castelsantangelo sul Nera – il trofeo è da Champions League.

castelsantangelo-2-1-325x244

L’assessore Angelo Sciapichetti con il sindaco Mauro Falcucci

Non a caso messo in palio dall’Unione Europea riguarderà “La rinascita di un piccolo comune nelle mani di grandi professionisti del settore”. La sfida, una grande rivincita contro lentezze e pastoie burocratiche che finora non hanno avuto (ahinoi!) avversari sul terreno della ipotizzata ricostruzione post sisma, è affidata all’architetto Stefano Boeri coordinatore scientifico di un’equipe all star costituita dai professori Franco Braga, Alberto Prestininzi, dallo studio Dream, dal dottor Antonio Montemurro e dall’architetto Raffaele Gerometta (con compiti di raccordo).  Questa mattina l’atto d’avvio dell’operazione, a conclusione di una veloce gara europea, con la firma del protocollo d’intesa «al fine – chiarisce una nota – di supportare e condividere preventivamente l’attività di Pianificazione Attuativa connessa agli interventi di Ricostruzione dell’intero territorio comunale».

Castelsantangelo.-La-presentazione-del-progetto-per-la-pianificazione-attuativa-pist-sisma-1-325x244

L’intervento di Andrea Spaterna

Si tratta di un progetto senza precedenti, che sarà la “pagina mastro” per tutti i borghi del Centro Italia, distrutti dal sisma del 2019 di cui Castelsantangelo sul Nera e’ stato epicentro. Dice infatti la nota ufficiale: «I professionisti incaricati avranno il compito di redigere il Documento Direttore per la Ricostruzione (Ddr) che sarà elaborato raccogliendo ed armonizzando gli indirizzi provenienti dagli enti sovracomunali raccolti nelle Linee Guida». Dei rappresentanti di questi enti, oggi a Castelsantangelo, ce n’erano ben pochi. Assenti il governatore Luca Ceriscioli (convocato dal ministro a Roma), assenti il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli; il commissario Piero Farabollini (il cui incarico, pare, in scadenza a fine anno verrà “prorogato” di 45 giorni) e il presidente della Provincia, Antonio Pettinari il protocollo è stato firmato dall’assessore regionale Angelo Sciapichetti, dal sindaco Mauro Falcucci; dal presidente del Parco dei Sibillini, Andrea Spaterna; dalla soprintendente Marta Mazza; dall’ingegner Cesare Spuri, direttore dell’ufficio per la Ricostruzione e in sostituzione del professor Farabollini, dal geologo Matteo Carrozzoni e in vece del dottor Pettinari, dal segretario generale, Silvano Marchegiani.

larchistar-stefano-boeri

L’archistar Stefano Boeri

Che farà esattamente la formazione dei supertecnici, ognuno un’autorità nazionale nel proprio settore? Ha spiegato l’archistar Boeri, attesissimo dopo tanti forfait da parte dei politici: «Lavoreremo uniti per un piano di ricostruzione su un sistema di aree diverse. Che potrebbe essere (condizionale d’obbligo considerati i rischi di frammentazione ed intralci burocratici, ndr) modello per molti altri centri del cratere sismico. Non per restituire così com’era Castelsantangelo prima del 24 agosto 2016, ma per indagare con un faro multidisciplinare sulla dimensione delle autenticità. Collaborando con la popolazione (Falcucci ha parlato di «conferenza permanente») non è il connotato dell’identico che resta tuttavia per noi interessante. Inseguiremo i legami tra spazi aperti e costruiti, guarderemo a storia, cultura, tradizione, al rapporto con il bosco. E guarderemo dritti al futuro. Non possiamo trascurare certo il processo di abbandono di un luogo dove in pochi secondi, le scosse hanno distrutto tracce e monumenti di secoli. Faremo luce su ciò che finora è avvenuto, favoriremo future vocazioni economiche (turismo, enogastronomia)».

Nell-ultima-foto-l-archistar-Boeri-con-i-proff.-Braga-e-Pristininzi-col-sindaco-Falcucci

L’archistar Boeri con i professori Braga e Pristininzi, il sindaco Falcucci e l’assessore Sciapichetti

Per Castelsantangelo val bene anche un’esperienza alla…Dylan Dog. Dice infatti l’archistar: «Saremo cacciatori di incubi, sogni e desideri». Ancora: «Castelsantangelo è un centro dove come mai da nessun’altra parte piccolo è prezioso. L’Italia ha colpevolmente dimenticato questi centri dell’Appennino dove i giovani, naturalmente i migliori, sono in fuga». La squadra superstar si metterà subito al lavoro per «un modello che farà scuola sulla Ricostruzione (commenta Sciapichetti)»: 18 mesi circa, per concluderlo. E Braga da parte sua fa due conti: l’italia ha finora pagato 150 miliardi per riparare i danni di un fenomeno ricorrente. Perché non una legge finalmente sui terremoti?! Pristininzi: «Se avessimo accantonato come spesa corrente 3,5 miliardi all’anno per la prevenzione avremmo messo l’Italia in sicurezza. Perché non si fa? Perchè?! Un mistero poco gaudioso ma non tale per i pochi politici presenti». E’ questo il quarto Natale di terremoto, in un luogo montano dove la disperazione è 24 h, notte e giorno e dove, dice Spaterna «la rassegnazione è un’infezione batterica». «Un luogo dimenticato dai poteri centrali, seppur vigilino quelli locali».

il-jaccuse-di-spuri

Un momento dell’intervento di Cesare Spuri

Ed è pure il “Dies irae”. A fianco del “bombardiere” Falcucci, lui aviatore, che va giù duro contro il premier Conte: «E’ stato qui, in questa stessa sala, si è preso appunti, poi quel decreto legge è blindato, inutilizzabile veramente, e non esiste una vera accelerazione alle pratiche. In questo post terremoto a mancare è sopratutto il buon senso». A sorpresa ecco Cesare Spuri, eroe della ricostruzione post sisma ’97, ora cireneo di un processo di cui non vedrà la fine. E non solo perché in pensione dal 2021, ma perché dell’esito di questa ricostruzione avranno contezza solo i più giovani presenti questa mattina nella sala polivalente donata dagli Amici del Trentino. Per il paese dove è nata la madre di San Benedetto da Norcia («tempi antichi ma d’oro fino al 1861, quando cioè appartenevamo all’Umbria» sospira Falcucci) ci vorranno 15 anni, per il cratere di più molto di più per rivedere la luce. «Dal Dl cercheremo di trarre il meglio – dichiara Spuri – sarà dura ma ci proveremo, manca infatti una regia. A noi si chiede con le migliori intenzioni del mondo l’impossibile. Riperimetrazioni e programmi straordinari di recupero in parallelo, ricordo con riconoscenza gli efficienti programmi di recupero del ’97. Ma possibile che i due rami del Parlamento abbiano convertito in legge senza colpo ferire un tale documento indigeribile da parte dalle attuali strutture sul territorio con 725 tecnici precari senza certezza di poter contare per sempre sul posto di lavoro in un fronte arrovventato dove le popolazioni sono allo stremo?». Doveva essere una mattinata di festa oggi, a Castelsantangelo sul Nera, all’avvicinarsi del Natale. Ma ad inducare la festa più bella dell’anno qui e dovunque, nei luoghi delle macerie (mille tonnellate, recuperate 700, contabilizza Sciapichetti) c’e’ solo un abetello con addobbi bianchi e rossi, senza luce.

la-soprintendente-marta-mazza

La soprintendente Marta Mazza

castelsantangelo-1-1-650x488

Castelsantangelo.-La-presentazione-del-progetto-per-la-pianificazione-attuativa-pist-sisma-2-650x488

castelsantangelo-3-488x650

castelsantangelo-4-650x488

castelsantangelo-5-650x488

castelsantangelo-1-650x488

castelsantangelo-falcucci-3-431x650

castelsantangelo-falcucci-4-650x431

castelsantangelo-falcucci-5-650x431

 

castelsantangelo-falcucci-2-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-1-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-2-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-3-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-4-650x431 falcucci-boeri-castelsantangelo-5-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-6-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-7-431x650

falcucci-boeri-castelsantangelo-8-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-9-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-10-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-11-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-12-650x431

falcucci-boeri-castelsantangelo-13-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-7-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-8-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-9-650x431

 

castelsantangelo-falcucci-boeri-11-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-12-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-1-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-2-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-3-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-4-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-5-650x431

castelsantangelo-falcucci-boeri-6-650x431



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X