facebook twitter rss

Stalla devastata dal fuoco:
strage di bovini

SAN SEVERINO - Il rogo è scoppiato questa mattina intorno alle 11 in località Agello nell'azienda Giovanni Coronati. Morti cinque vitelloni che erano all'interno della struttura. Distrutti due trattori. Le fiamme potrebbero essere partite da un pannello fotovoltaico del tetto
giovedì 11 Luglio 2019 - Ore 14:24 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
293 Condivisioni

La stalla dove è scoppiato l’incendio

 

Fiamme in una stalla, muoiono cinque bovini. Il rogo è scoppiato questa mattina intorno alle 11 in una azienda agricola di San Severino. Il fuoco ha ucciso cinque vitelli che erano nella stalla e distrutto 2 trattori. Da accertare le cause che hanno scatenato le fiamme, tra le ipotesi è che siano partite da un impianto fotovoltaico che si trova sul tetto della stalla.

Una colonna di fumo denso e nero questa mattina si è sollevata tra le campagne di San Severino. Il fumo proveniva da una contrada di campagna, Agello. Lì si trova una stalla dell’azienda agricola Giovanni Coronati. E proprio da quella stalla veniva il fumo, quello di un incendio che si è sviluppato intorno alle 11. Fiamme alte che hanno devastato la struttura e non hanno lasciato scampo ai cinque vitelloni che si trovavano all’interno. Il fuoco ha ucciso gli animali e ha distrutto due trattori. Immediato l’intervento per spegnere le fiamme. Il rogo alla fine è stato domato, ma niente è stato possibile fare per salvare i bovini. Sul posto per gli accertamenti del caso sono intervenuti i carabinieri del comando di San Severino, della Compagnia di Tolentino. I militari hanno dato il via agli accertamenti per stabilire le cause che hanno scatenato l’incendio. Ingenti i danni, che sono da quantificare ma nell’ordine di decine di migliaia di euro.

(Servizio aggiornato alle 15)

Foto di Andrea Federici

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X