facebook twitter rss

«Sono razzista e orgoglioso di esserlo»,
bufera sull’assessore

MORROVALLE - Un post su Facebook di Alfredo Benedetti finisce nel mirino del gruppo consiliare "Un Nuovo Germoglio": «Esternazione deprimente e incresciosa. Sorprende che molti consiglieri della maggioranza non abbiano sentito il bisogno di dissociarsi»
mercoledì 22 Maggio 2019 - Ore 13:51 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
176 Condivisioni

 

 

Alfredo Benedetti

Bufera sull’assessore al Bilancio Alfredo Benedetti per un post su Facebook in cui si dichiara razzista e orgoglioso di esserlo. La dichiarazione social risale al 21 marzo ma solo in questi giorni la questione è stata affrontata in Consiglio comunale a Morrovalle. Sono stati i consiglieri di opposizione di “Un nuovo Germoglio”  a sottolineare, in sede di discussione di bilancio, l’inappropriatezza delle parole dell’assessore e oggi insistono: «Non c’è nessuna giustificazione al razzismo. E chi con orgoglio lo professa non può tranquillamente rappresentare tutti e non può restare ad occuparsi di cariche amministrative e pubbliche. È assurdo pensarlo, è deprimente scriverlo, è vergognoso ribadirlo a voce». Con queste parole Francesco Acquaroli, Paola Pirro, Marco Morresi, Luca Cabascia e Rosita Platinetti commentano il post di Benedetti che recita: «Lo ammetto, io sono razzista e sono orgoglioso di esserlo per il solo fatto di essere diverso dagli antirazzisti – dice Benedetti in un post che prosegue – se fosse stato un italiano con un pulmino di bambini extracomunitari, cosa sarebbe successo? La sfilata dei pagliacci di carnevale multicolore con i loro slogan: “Salvini deve morire”- “a testa in giù a piazzale Loreto” – contro Dio, la famiglia e quant’ altro. Sono orgoglioso di essere razzista solo per il fatto di essere diverso da loro».

Il post dell’assessore Benedetti

L’opposizione che definisce quanto scritto una «esternazione deprimente, incresciosa ed inappropriata. Non potevamo credere ai nostri occhi alla vista del post su Facebook, non potevamo credere alle nostre orecchie sentire in Consiglio Comunale che l’assessore al bilancio ammetta di essere orgogliosamente razzista – dicono in una nota gli esponenti della minoranza – Restiamo disarmati anche davanti al silenzio assordante della maggioranza “rinnovatrice”. Sorprende che molti consiglieri della maggioranza, che si professano cattolici, tanto da essere impegnati in attività parrocchiali, non abbiano sentito il bisogno di dissociarsi. Eppure anche le continue parole di Papa Francesco al riguardo sono chiare, sempre contro le parole d’odio e gli atteggiamenti razzisti. Restiamo in urgente attesa di sapere se anche il pio Sindaco si riconosca o no nelle gravi affermazioni del suo assessore. Restiamo altresì in attesa di conoscere se anche l’assessore all’istruzione pubblica e alle politiche sociali, nonché in prima linea per le attività di volontariato, si riconosca o no nelle parole del suo collega. Le loro risposte sono doverose. Restiamo in fiduciosa attesa di chiarimenti e sviluppi. Se non dovessero essere sufficienti, meditiamo successive azioni consiliari».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X