facebook twitter rss

Fabio, padre della grande Lube:
«Dimostrato di essere vincenti»

IL PATRON Giulianelli festeggia con i due figli il trionfo a Berlino. Tornerà a casa con la seconda Champions, il 20esimo trofeo dalla nascita del suo club. La presidente Simona Sileoni: «Abbiamo scritto la storia vincendo due partite del genere in quattro giorni»
sabato 18 Maggio 2019 - Ore 22:45 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
937 Condivisioni

 

Il patron della Lube, Fabio Giulianelli, esulta assieme ai suoi due figli

 

Quello che capitan Stankovic ha alzato alla Max Schmeling Halle di Berlino è il trofeo numero 20 della storia della Lube, che già dopo lo scudetto vinto a Perugia era il club italiano di volley più titolato del 21esimo secolo. Una gioia immensa per il patron Fabio Giulianelli che prima è salito sul podio con i giocatori e, dopo gli scatti di rito con la squadra e la coppa, ha poi celebrato il momento con una splendida foto assieme ai suoi due figli. 

Fabio Giulianelli con il sindaco di Civitanova Fabrizio Ciarapica

«Una settimana straordinaria che si potrebbe dire che rientra nei film di fantascienza. Siamo stati un qualcosa parte di incredibile storia, l’abbiamo voluta dimostrando che siamo dei vincenti. Abbiamo ribaltato sia a Perugia che questa sera. All’inizio dell’estate abbiamo cercato questi giocatori perché era quello che volevamo, gente con gli attributi. Dimostrazione di forza ed ignoranza che l’abbiamo voluta proprio come crescita della squadra. E’ un qualcosa di straordinario, facciamo tanti sacrifici e queste serate ci ripagano alla grande dei mai di tanto lavoro. Voglio ringraziare perché si parla di Lube, che non sono solo i giocatori ma sono anche i 600 dipendenti che lavorano e che hanno portato l’azienda nei primi posti anche nei loro campi».

A Berlino anche il sindaco di Civitanova Fabrizio Ciarapica che ha festeggiato la coppa assieme al patron e a Simona Sileoni. «Stasera abbiamo scritto la storia, in quattro giorni due trofei così e con partite del genere – dice la presidente di Lube Volley- . Ce lo ricorderemo per sempre anche perché molte persone che hanno partecipato a quest’annata non l’avevano mai vissuta un’emozione del genere, da giocatori a staff a tifosi. All’inizio questa squadra ha avuto bisogno di rodaggio, con Fefè la squadra è cresciuta molto sotto molti aspetti ma sopratutto ad essere una grande famiglia e che bisogna soffrire per conquistare i premi».

STAGIONE SUPER – Con questo trionfo in Champions League, che consolida in maniera ancora più concreta il prestigio internazionale della società sportiva del Gruppo Lube (nelle tre precedenti edizioni i marchigiani avevano conquistato due bronzi e un argento), la stagione 2018/2019 della Cucine Lube Civitanova diventa la sua migliore di sempre: già nel 2006, infatti, la formazione cuciniera riuscì a mettere in bacheca nella stessa stagione un titolo nazionale ed uno continentale, ma in quell’occasione lo scudetto (il primo dei cinque) arrivò insieme alla coppa Cev, conquistata a Padova battendo in finale un’altra squadra russa, l’Iskra Odintsovo. Curiosità: anche in quella occasione, sulla panchina Lube sedeva Ferdinando De Giorgi.

 

Il cielo è biancorosso sopra Berlino: Lube schiaccia i giganti del Kazan, Civitanova è campione d’Europa

Juantorena: «Siamo nella storia», De Giorgi: «Un crescendo bellissimo»

Lube sul tetto d’Europa, centinaia di tifosi gioiscono al palas (Video)

 

La festa all’Eurosuole Forum

Il sindaco Ciarapica con Simona Sileoni

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X