facebook twitter rss

Beffa dell’invenduto, Terzoni:
«Drammatica incapacità»

SISMA - La deputata del M5S: «I contenuti sono inqualificabili, a partire dal ruolo del consorzio Arcale, e dimostrano la totale inadeguatezza del presidente Ceriscioli e dei suoi assessori nel gestire e risolvere i drammi della ricostruzione nell'Appennino marchigiano»
lunedì 29 Ottobre 2018 - Ore 10:05 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Patrizia Terzoni

 

«Apprendo con indignazione (leggi l’articolo) dell’esistenza di corrispondenza tra i dirigenti e il presidente della Regione Marche Ceriscioli sulle questioni Sae e invenduto in cui erano stati espressi giudizi durissimi su tempi di consegna e qualità dei manufatti sulle operazioni in corso da decine di milioni di euro sotto la responsabilità della Regione» così la vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera Patrizia Terzoni. «I contenuti sono inqualificabili, a partire dal ruolo del consorzio Arcale, e dimostrano la totale incapacità del presidente Ceriscioli e dei suoi assessori nel gestire e risolvere i drammi della ricostruzione nell’Appennino marchigiano. Senza alcuna trasparenza scaricano sulla testa di migliaia di cittadini la loro indolenza; neanche la sofferenza dei loro corregionali li smuove. In questi mesi sulle due vicende si sono ben guardati dal rivelare tutte le criticità che i loro limiti stavano aggravando e a chiedere aiuto per risolvere i problemi. Sono talmente irresponsabili che nonostante i loro fallimenti arrivano a pretendere dal Governo la difesa del loro ruolo nel Decreto Emergenze. Lì sono prontissimi a prendere parola. Solo a questo pensano, purtroppo» conclude la Terzoni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X