Di Battista a Recanati (foto-video)
«Macerata? Non ci infiliamo
in queste strumentalizzazioni»

PIAZZA LEOPARDI piena per uno degli esponenti di punta dei 5Stelle: «Per una settimana non si è fatto altro che parlare di fascismo e antifascismo, con minuti di raccoglimento, manifestazioni o comunicati stampa, ovvio che si condanna la violenza, ma qua c'è ancora gente in camicia nera che inneggia al fascismo e ragazzi che sono antisistema e picchiano carabinieri». E a chi gli chiede non ti sei ricandidato, dopo che farai risponde: «Ma saranno fatti miei?»
- caricamento letture

di-battista-civi-FdM-8-650x433

 

di Laura Boccanera

(foto di Federico De Marco)

«Di fronte a una tragedia umana del genere ho visto strumentalizzazioni e il Movimento 5 stelle non ci si infila. Per quanto riguarda invece la problematica relativa a questi rigurgiti di intolleranza, xenofobia e razzismo, l’unico modo per affrontarli non sono i minuti di raccoglimento o i comunicati stampa sono le leggi a sostegno dello stato sociale». Così Alessandro Di Battista, parlamentare uscente dei pentastellati, durante il tour elettorale a Recanati  sui recenti fatti di cronaca a Macerata. Piazza Leopardi piena di gente per il discorso del leader grillino.

di-battista-fdm-5-650x434Alessandro Di Battista arriva a bordo del camper del Movimento 5 stelle e la piazza lo accoglie come un figlio, c’è addirittura chi porta pasticcini e un regalo. Nonostante il raffreddamento e il mal di testa dovuto al gelo della tappa precedente a Urbino, Di Battista è carico e alla piazza si dona con simpatia e tenendo il punto sui temi del programma. Con lui i candidati e le candidate delle Marche. Poco prima incontra la stampa sotto al palco: si parla delle Marche: «Questa è una terra di imprenditori fantastici, Ad Ascoli c’è la piazza più bella d’Italia, solo questo dovrebbe bastare, qui al movimento chiedono soprattutto lavoro, sanità pubblica e sostegno all’impresa tartassata dalle tasse prima e dal terremoto poi. Noi vogliamo fare una banca pubblica di investimento sulla base del modello tedesco». E poi sulla questione legalità e rimborsi sia sul palco che ai microfoni Di Battista dice: «con gli impresentabili che hanno candidato vogliono fare le pulci a noi? Alla fine li dovremo ringraziare, perché mica ci credevano che davvero avevamo rimborsato così tante migliaia di euro alle piccole e medie imprese – e sull’appello al voto aggiunge – scriverò una lettera a coloro che intendono astenersi, pensano di fare uno sgarbo al sistema, in realtà gli fa un favore, chi si astiene in realtà vota».

di-battista-fdm-4-325x217Sulle questioni relative ai fatti di Macerata invece Di Battista mantiene la linea del Movimento 5 stelle che non è intervenuto su quanto accaduto e più che i minuti di raccoglimento o le manifestazioni auspica politiche sociali sottolineando come la politica dell’immigrazione che è nel programma del Movimento prevede accoglienza per chi ha diritto e rimpatrio per chi invece non può rimanere sul territorio nazionale. «Per una settimana non si è fatto altro che parlare di fascismo e antifascismo, con minuti di raccoglimento, manifestazioni o comunicati stampa, ovvio che si condanna la violenza, ma qua c’è ancora gente in camicia nera che inneggia al fascismo e ragazzi che sono antisistema e picchiano carabinieri. E mentre tutti parlavano di fascismo e antifascismo in Sicilia non si raccolgono più i pomodori pachino perché vengono importati dal Camerun. Ma quale libero mercato, questo ha fatto la sinistra e la destra». Ma il meglio di sé “Dibba” lo riserva alla piazza: conversa a tu per tu col pubblico, scherza «perfino io una volta ho votato Veltroni, siete tutti benvenuti»  e risponde perfino al telefono di un simpatizzante. E a chi gli chiede non ti sei ricandidato, dopo che farai dice: “Ma saranno fatti miei?”

 

di-battista-civi-FdM-5-650x434

di-battista-civi-FdM-4-650x434

di-battista-fdm-4-650x434

di-battista-civi-FdM-3-650x434

di-battista-civi-FdM-7-650x434

di-battista-civi-FdM-6-650x432

di-battista-civi-FdM-1-650x434

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X