Comunião e liberação e Altalenaboy:
la follia della Controra
porta in scena gli otto finalisti

MACERATA - In attesa delle serate allo Sferisterio i vincitori di Musicultura si esibiscono in piazza Cesare Battisti: tra romanticismo pop e cantautorato a lasciare il segno è la stravaganza degli artisti più eccentrici che strappano consensi e applausi e "Per fortuna" qualche amaro sorriso. LE FOTO
- caricamento letture
NicoGulino

Il palco de La Controra

 

Finalisti_Musicultura-1-650x433

Piazza Cesare Battisti affollata per l’esibizione degli otto finalisti

 

di Marco Ribechi

(Foto Fabio Falcioni)

Critica verso un mondo ipertecnologico in cui la gente comunica a colpi di Whatsapp oppure due passi a ritmo di samba irriverente con Comunião e liberação? La follia di un bimbo catapultato nello spazio infinito per aver tentato il giro della morte in altalena o uno swing per non confondere il necessario con il superfluo? Qualsiasi siano le note più amate la seconda serata de La Controra ha portato in scena il cuore di Musicultura, ovvero gli otto artisti finalisti che si esibiranno nelle serate finali dello Sferisterio. Irriverenti, romantici e sognatori otto cantastorie si alternano sul palco di una affollata piazza Cesare Battisti, ognuno con il suo personalissimo stile, ognuno alla caccia del premio finale di 20mila euro in grado di cambiare il destino di ogni musicista emergente. Capitanati da John Vignola, voce immancabile del festival, gli artisti che accederanno al prestigioso palco dello Sferisterio, quest’anno in diretta Rai, offrono uno spettacolo piacevole e allegro, capace di toccare tante corde diverse dell’animo umano.

Cesanelli_Carancini-1-650x433

Il patron del Festival Piero Cesanelli con il sindaco di Macerata Romano Carancini e consorte

A rompere il ghiaccio ci pensa Nico Gulino che a ritmo di swing lancia un messaggio a non perdere di vista le cose veramente importanti della vita, lasciando da un lato il superfluo che spesso fa da padrone. Dopo di lui Lovain, cantante dalla voce penetrante che racconta la storia della vita imperfetta dei suoi quattro personaggi. Segue Francesco Papageorgiou che, solo sul palco, in assenza della sua band, accompagnato da una tastiera inneggia alla vita che ama fino a “farsi male”. Bob Messini unisce le sue note autobiografiche con una ironia sottile e intelligente, forse è lui, tra i finalisti, a rappresentare lo stile cantautoriale più puro. Chi ama il pop dalle voci calde e penetranti sincronizzerà le antenne su Francesca Sarasso che con la sua band quasi totalmente al femminile porta in scena storie d’amore o di anti-amore (così canta in una canzone) dalle colorate tinte radiofoniche non troppo lontane da altre grandi artiste italiane.

LucioCorsi-1-650x433

Lucio Corsi, giovane autore di Altalena boy

Ma è con Lucio Corsi che entra in scena anche un po’ di follia: aria da bluesman maremmano, camicia gialla luccicante, sostenuto solo dalla sua chitarra offre al pubblico maceratesi testi assurdi e un po’ visionari capaci però di lasciare un segno nella memoria degli ascoltatori. Dopo di lui Alessandro Sipolo, particolarmente apprezzato dal pubblico femminile, che passa da una canzone stuggente e “femminista” a un ritmo latino sbeffeggiatorio e critico. A chiudere le danze arriva Mirkoeilcane, cantautore romano dai testi divertenti e intelligenti capaci di prendere in giro, con il suo pezzo “Per fortuna”, le assurdità di ipad, cellulari, app e quant’altro allontani ogni persona dal vivere pienamente la propria vita tra cui l’immancabile partita post mortem a Candy Crush. Nel pomeriggio invece, per gli ormai tradizionali appuntamenti nei cortili dei palazzi più belli della città, l’attore Massimo Ciavarro ha letto, in compagnia di Vincenzo Galluzzo, la sua lettera mai scritta mentre, quasi in contemporanea, Alessio Bertallot spiegava le nuove frontiere teconologiche per ascoltare la musica. A palazzo Ciccolini invece Alberto Castelli ha raccontato tramite i suoi Soul books i colori della musica e dei suoi protagonisti. I vincitori di Musicultura torneranno ad esibirsi nelle serate finali del Festival a partire da giovedì 22 giugno nello Sferisterio di Macerata.

MirkoeilCane-1-650x433

Mirkoeilcane

FrancescaSarasso-1-650x410

Francesca Sarasso

LoVain-1-433x650

Lovain

NicoGulino-1-650x434

Nico Gulino

Papageorgiu

Francesco Papageorgiou

BobMessini-1-650x433

Bob Messini

BobMessini_JohnVignola-1-650x432

John Vignola con Bob Messini

AlessandroSipolo-1-650x433

Alessandro Sipolo

LoVain-2-650x433



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X