L’8 marzo delle allevatrici terremotate:
“Le istituzioni ci hanno abbandonato”

La voce delle donne che lottano tra le difficoltà post sisma. Alba Alessandri, 25 anni: "Anche oggi darò da mangiare ai miei animali, rischiando che mi cada addosso il resto del tetto"
- caricamento letture

animali-terremotati-neve-Società-Agr.-LAI-ss-6-400x300

I crolli delle tende provvisorie nell’azienda Lai di Gualdo

 

Non pensano alle mimose le 4mila allevatrici marchigiane del cratere costrette a convivere con i ritardi della burocrazia post sisma. “Festeggerò l’8 marzo entrando come ogni mattina nella stalla e nei capannoni inagibili”, dice Alba Alessandri, 25 anni, allevatrice di Serravalle e delegata provinciale di Coldiretti giovani impresa. Che aggiunge: “Darò da mangiare ai miei animali, rischiando che mi cada addosso il resto del tetto. A causa del terremoto sono stata costretta a dare via la metà delle galline ovaiole che allevo, dato che per loro non sono state previste tensostrutture provvisorie. Mentre per le mucche ho fatto richiesta di una stalla mobile che non so quando e se arriverà, dopo mesi di promesse. Ho iniziato a fare questo lavoro a vent’anni – conclude Alessandri – e sono fermamente intenzionata a non abbandonarlo, nonostante le istituzioni abbiamo abbandonato noi. Qui nelle Marche la burocrazia sta facendo più danni del sisma”. Una situazione che accomuna tante altre ragazze, come Valentina Trenta ad Arquata del Tronto che aspetta da sei mesi e mezzo la stalla provvisoria per le sue pecore e al momento continua ad avere solo una piazzola vuota. Ma anche le sorelle Lucarini di Pieve Torina hanno perso casa e stalla a causa del terremoto e sono costrette da mesi assieme alle loro famiglie a dormire in camper per poter continuare ad accudire i loro animali. Pure Laura Lai, giovane allevatrice di Gualdo, sta ancora aspettando la stalla promessa, ma nel frattempo le sono morte decine e decine di pecore, con la beffa di vedersi proporre addirittura prezzi inferiori per il latte prodotto (leggi l’articolo). “Purtroppo a causa dell’immobilismo delle istituzioni le aziende agricole si trovano ancora come al primo giorno di terremoto – dice Francesca Gironi, delegata regionale di Coldiretti Donne impresa –. Tante imprese rosa, con grandissima dignità e voglia di fare, continuano a lavorare perché non vogliono abbandonare il territorio ma chiedono almeno di garantire le condizioni per poter restare”.

AGRICOLTURA AL FEMMINILE – Secondo un’elaborazione Coldiretti su dati Istat, nelle Marche sono oggi complessivamente attive circa 13mila aziende agricole a conduzione femminile, mentre altre 32mila sono le donne che lavorano nelle campagne come manodopera familiare e non. L’agricoltura si piazza al secondo posto dopo il commercio e davanti al settore manifatturiero, con una donna su quattro che sceglie la campagna per avviare la propria attività. A caratterizzare le imprese rosa è soprattutto la capacità di avviare attività innovative e alternative rispetto alla produzione tradizionale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X