Lavoro nero al Deep blue,
dipendenti regolarizzati dopo i controlli

PORTO RECANATI - Ispezione dei carabinieri nel locale gestito da una società di Giuseppe Cerolini. Su 7 lavoratori, 6 sono risultati irregolari: la società ha poi sanato le loro posizioni
- caricamento letture
10428049_1541500799447921_4300424620118088779_n-400x268

Il Deep Blue di Porto Recanati

Lavoratori in nero al Deep blue di Porto Recanati. Controllo dell’ispettorato del lavoro, sei su sette tra barman e camerieri non in regola. Era scattato il provvedimento di sospensione della licenza per il noto locale di Porto Recanati dopo un controllo effettuato ieri sera dalla compagnia dei carabinieri di Civitanova insieme al Nucleo ispettorato del lavoro della Direzione territoriale del lavoro di Macerata. La proprietà poi in giornata ha sanato e regolarizzato la propria posizione nei confronti dei lavoratori e pagato parte della sanzione di 20mila euro scongiurando le misure previste in questi casi che comportano la chiusura del locale. L’attività è di proprietà di Giuseppe Cerolini, attualmente ai domiciliari per presunti reati fiscali.


(Sevizio aggiornato alle 18,30)

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X