Esanatoglia e Matelica,
il 14 si torna a scuola

SISMA - Rimarranno chiuse solo le elementari nella città di Mattei perché le classi verranno dislocate in altri istituti. Riunione dei genitori ieri per gestire la riorganizzazione. A Gagliole probabile riapertura per il 16 novembre

- caricamento letture

La scuola elementare di Matelica

La scuola elementare di Matelica

di Monia Orazi

Si tornerà sui banchi lunedì prossimo 14 novembre ad Esanatoglia, e nella vicina Matelica, dove soltanto le scuole elementari resteranno chiuse. Per Gagliole la data più probabile di riapertura della materna ed elementare De Giorgi, che al momento ospita gli sfollati, sembra essere mercoledì 16, dopo lo spostamento di coloro che sono rimasti senza casa in uno stabile nuovo in località Basciano.

A Matelica torneranno in classe i piccoli dell’asilo nido, quelli della materna (le sezioni del piano terra situazione invariata, trasferite in via Bramante le sezioni Rosa, Marrone e Celeste), le scuole medie, ragioneria ed il professionale per le superiori. Ancora in vacanza forzata gli alunni della primaria. Riunione del consiglio di classe, l’altro pomeriggio, nel quale sono state date informazioni su come saranno dislocati gli alunni. Delle 21 classi della scuola elementare, 6 rimarranno nel prefabbricato moderno in via Spontini, 5 andranno al piano rialzato delle scuole medie in via Roma con vie di fuga facilmente accessibili e sicure, e 10 andranno al pian terreno dell’Istituto Tecnico Commerciale di via Bellini, messo a disposizione dalla Provincia. Le tre classi della scuola materna che ora sono nel piano rialzato del plesso di via Bellini verranno spostate al modulo container di via Bramante, accanto alle scuole medie. Tutte le scuole avranno ingressi indipendenti e sarà garantita la non promiscuità con gli alunni più grandi. «Considerando che l’unico metro di giudizio possibile è cercare di garantire la sicurezza dei bambini, si sono valutate moltissime soluzioni diverse, studiando non solo la stabilità delle strutture, ma anche le possibili via di fuga e l’organizzazione delle evacuazioni delle classi in maniera ordinata, veloce e sicura, senza possibili ostacoli – scrive il Comune – attualmente sono ancora al vaglio le soluzioni che riguardano la mensa della primaria e dei servizi trasporto e scolastici e saranno comunicate appena perfezionate». Nel plesso di via Spontini, al piano terra, troveranno posto gli uffici comunali, sloggiati da palazzo Ottoni, completamente inagibile. All’ex enoteca comunale di vicolo Cuoio ci sarà l’ufficio front office del Comune. «Si tratta di una soluzione temporanea, cui seguirà, non appena saranno terminati i sopralluoghi nelle abitazioni private, l’impegno da parte del Comune di realizzare un progetto per una nuova scuola, che rispetti i più moderni standard di sicurezza – conclude l’amministrazione – scelte dolorose e per nulla facili da prendere che hanno impegnato amministrazione, tecnici comunali, tecnici della protezione civile e dirigenza scolastica».

Ad Esanatoglia il sindaco Luigi Nazzareno Bartocci spiega che si rientrerà il 14 novembre, elementari comprese: «La soluzione prevede lo spostamento nella scuola materna delle classi 1a 2a 3a elementare mentre le classi 4a e 5a elementare oltre alle 3 classi delle medie verranno organizzate nel piano terra delle scuole elementari, al piano superiore saranno posti i vari laboratori didattici».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X