Panico al pronto soccorso,
insanguinato tra i pazienti: “Ho l’Aids”

CIVITANOVA - Un giovane è stato portato in ospedale dai carabinieri dopo che lo avevano fermato mentre si iniettava eroina. Nel nosocomio ha sfondato a testate la vetrata del triage
- caricamento letture
Il vetro contro cui il tunisino ha picchiato la testa

Il vetro contro cui il tunisino ha picchiato la testa

 

I carabinieri al Pronto soccorso

I carabinieri al Pronto soccorso

 

di Laura Boccanera

(foto Federico De Marco)

Portato all’ospedale dà in escandescenze e rompe con la testa il vetro del triage. Momenti di panico oggi pomeriggio al pronto soccorso di Civitanova dove un tunisino, di 28 anni, Sami Ferchichi, ha tentato di scappare e ha colpito violentemente con il capo la vetrata della sala d’aspetto che divide i pazienti dalla saletta triage. Attimi di panico con l’uomo che insanguinato minacciava il personale infermieristico e sanitario del nosocomio. Il tunisino era depositario di un provvedimento di espulsione ed era stato condotto in ospedale dai carabinieri quando ha tentato di liberarsi e darsi alla fuga con un gesto eclatante. Il tunisino era stato fermato questa mattina a Porto Recanati dai carabinieri durante un controllo. Stava iniettandosi dell’eroina insieme ad un’amica. Fermato, è stato accompagnato al pronto soccorso prima dell’espulsione. Da prassi infatti doveva effettuare una visita medica per verificare le sue condizioni fisiche e la presenza eventuale di malattie prima di essere accompagnato in un centro di espulsione e da lì alla frontiera. Una volta al pronto soccorso però il 28enne ha iniziato a dimenarsi, è scappato e ha raggiunto la saletta del triage dove ha iniziato a picchiare la testa fino a spaccare il vetro. Col volto e le mani piene di sangue ha minacciato pazienti e personale medico affermando di essere sieropositivo. Momenti di concitazione anche fra i presnti che hanno assistito a grida e attimi di follia. Nel tentativo di fermarlo mentre faceva il diavolo a quattro due carabinieri e 3 infermieri hanno riportato lesioni lievi. Fermato poco dopo è stato immediatamente arrestato e condotto nel carcere di Camerino. Sostituito immediatamente anche il vetro da parte della direzione sanitaria dell’ospedale.

14469399_10210447211558002_1506518733_n

14463634_10210447211718006_1200138408_n



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X