Molto meglio gli animali veri
degli umani che sono animali

Un libro del poeta dialettale Giordano De Angelis su queste due categorie di esseri viventi. Amare e attuali metafore sul presente
- caricamento letture

liuti giancarlo

 

di Giancarlo Liuti

Col titolo “Animali” e la grafica di Luigi Ricci il poeta dialettale maceratese Giordano De Angelis pubblica ora un piccolo libro contenente diciannove composizioni non recenti ma, come vedremo, caratterizzate da una straordinaria attualità. E perché “Animali”? In una duplice accezione. Animali in quanto esseri viventi diversi dagli umani ma al tempo stesso riferibili agli umani nel senso peggiorativo che s’usa pensare o dire – quello è un vero animale! – di qualcuno che non si comporta bene. E oggigiorno, coi diffusissimi costumi della contemporaneità, questa – non solo e non tanto a Macerata – non è affatto una cosa rara. Nella poesia introduttiva, del resto, Giordano parla della “panzanella”, una “merenna” che “te pó fà dolé pure la panza”. L’appetitosa ma indigesta “panzanella”, insomma, come metafora del nostro presente.
E veniamo al primo animale (“Lu pappagallu”) e al linguaggio attualmente in voga soprattutto fra i giovani. “Loreto mia, me devi stà a sindì, / l’ha’da piandà de dì le parolacce. / Lo vó capì o nó lo vó capì / che me fai fà ‘n saccu de figuracce?”/ ”Guarda, patró, che quanno m’i combrato, / io non sapìo parlà. Te lo ricordi? / Quello che dico, tu me l’ì mbarato. / E fregna. Ammó che fai? Che, te lo scórdi?”.

Giordano De Angelis

Giordano De Angelis

Un altro animale (“Lu gattu”) e un riferimento alle furberie truffaldine che tanto spazio hanno oggigiorno fra gli esseri umani. Premessa: “Un gattu avìa sdocchjato un addru gattu, / có’ un sorce, su la vocca, per fà cena “. E gli dice: “Fermu, per carità! Non sarai mattu! / Ma che sì scemu?! Quanto me fai pena!” E aggiunge: “Có tutti ‘ssi moderni ritroati, / li surci è quasci tutti vvelenati”. E l’altro gatto: “Porca mbestata. Non ciavìo penzato. / Allora che se fa? Tu che ne dici? / E’ ‘na furtuna che t’agghjo ngondrato”. Risposta: “E’ pròbbio a quesso che serve l’amici! / L’unica cósa che ce sta da fà, / dato che te so amicu e non vurìo / vedétte mórtu – nó’ me ringrazià – / sai che nòa c’è? Che me lu magno io”.
Altri due animali: “Lu lepre” e “Lu cà”. Dice il cane: “T’àgghjo rtroato. Ormai non ciài più scambu”. E la lepre: “Làsceme scappà via. Che ce guadagni? / Mica te vè’ parende, lu patrò. / Jutìmoce tra vèstie, tra combagni”. E il cane: “Io ce guadagno solo sull’onore. / Lasciatte scappà via? Non ce penzà! / Io so l’amicu de lu cacciatore. / Rassegnete e non piagne, caru mia. / Sì natu preda e preda hai da murì. / Se lu distinu è quistu, ccuscì sia. /Còmbitu mia adè de non tradì.” / “Va vè’ – desse lu lepre rassegnatu – / l’avìo capito mendre che parlavi. / Però, de me, tu sì più disgraziatu. / L’onore tua? Onore de li schiavi! / E lascia perde pure lu distinu … / Mejo èsse preda … che èsse ‘n aguzzinu!”.

Un leone

Un leone

Ancora due animali, il leone e il gufo (la poesia s’intitola “Lu coraggiu”) come allusione al fatto che a volte il maggior potere di qualcuno non dipende dai suoi meriti ma dall’essere dotato di mezzi economici magari non meritati. Afferma il leone: “Sò coraggiusu. Tutti me lo dice. / Ciàgghjo lu còre forte un béllu pó. / Se un omu è coraggiusu, jé s’addice / lu titulu: cià un còre da leó”. Ma il gufo: “O re de la foresta / de ‘ste cazzate, ormai, sò pròbbio stufu! / E’ ora che te mitti su la testa / che quesso che tu dici non dipende / né da lu còre né da lu cervèllu./ Scummittirìo che pure li cuniji / putrìa vandàsse d’èsse tutti re. / Se ciavésse le zanne co’ l’artiji , / sarìa né più e nemmeno comme te”.

Un asino

Un asino

Nella poesia intitolata “Lu prisidende” di animali ce ne sono parecchi, ancora il leone, ancora il gufo e poi l’aquila reale, il lupo, il gatto, la volpe , due cicale, un somarello. La metafora, sarcastica, è tutta politica e la sua attualità riguarda varie sedi del potere. “Io vaco in ferie – desse lu leó – / e sò preoccupatu, perché qui, / senza ‘na guida e n’organizzazzió, / c’è rìschju che succeda un gran casì”. / E aggiunse: “A póstu mia u’ mmoccó cià da stà quillu / che non ve fa fà quello che ve pare. / Solo ccuscì io pòzzo stà tranquillu. / Indando, se ce stà ‘che candidatu, / lo pòle dì, se po’ fà pure avandi / e elettu, se sta vène a tutti quandi”.
Cosa accadde? “Parlò lu gufu: sùbbito scartatu. / Se fece avandi l’aquila reale. / Lu lupu ce proò có’ ‘n’ululatu. / Se candidò perfino du’ cicale. / Finghé, a la fine, se sindì ‘na voce: / ‘Per carità … non è per famme véllu … / ma visto che ‘ssa fava non se coce … / se me volete …”. / E chi era? “Adèra un somarellu”. Conclusione: “D’istindu capì tutti ch’era adattu. / Unu che non capisce pròbbio gnende. / La volpe fece l’ucchjulì a lu gattu … / Lu somaru fu elettu prisidende”.
Un’altra sugli animali: “La congorenza”, dove parlano una gazza e una capinera. “ ’Na gazza latra, che rimproverata / a bruttu musu, da ‘na capinera: / ‘se adèri un òmu, adèri condannata / a fatte quarghe annìttu de galera, / perché, có’ la coscienza e la morale, / a quelli che adè latri comme te, / l’òmu non gné permette de fà male’. / E la gazza “debbòttu rispunnì: ‘ma che coscienza! / ‘che latru va in galera. E sai perché? / per limità u’ mmoccó la congorenza”.
Infine “La farfalla”, anche questa con un significato sociale e politico che allude all’indispensabile evoluzione del generale stile di vita. “Facìa, per aria, mille ghirigori, / volènno, sopre a un pratu, ‘na farfalla. / Ciavìa un vistitu fattu de colori, / ma cuscì béllu da ngandà a guardalla”. “Un vèrmene nvidiusu de vedélla / ccuscì mbortande, jé sgagghiò: ‘Che fai!? / te dai ‘mbortanza? Adesso fai la bella? / Adèri comme me. Che, nó’ lo sai? / Non simo diferendi, cara mia. / Per me e per te, l’origine adè uguale”. Allora “la farfalla, prima de volà via: / ‘Sarà … ma tu sì rmastu tale e quale”.

gatto

Un gatto

De Angelis chiude questa sua rassegna poetica con sedici versi scritti quest’anno – attualissimi, quindi – nei quali non compare nessun animale e si fa un discorso su ciò che specie nei momenti difficili dovrebbe essere una vera democrazia. Il titolo, appunto, è “La Democrazzia”. Sentite: “Ammó adè un pézzu che ve scagnarete. / Ma che cioccóre che lo dico io? / C’è chj se mmazza; che, nó’ lo vedete? / Metteteve d’accordu, per ‘llu zzio! / Li problemi adè seri e n’adè tandi. / Non ciadè rmasto addro che la speranza. / Le soluzió se rtròa tra tutti quandi, / senza discriminà la minoranza. / Non adè viro che Democrazzia / vurdì la conda de le mani alzate. / Quelle de mino no, non va scartate. / Se non se tène cundu (e pó con cura!) / de tutti quilli voti che ce vanza / non è Democrazzia, ma Dittatura / la Dittatura de la maggioranza”. Utopia?
( L’amico Giordano mi perdonerà se per ragioni di spazio ho dovuto riassumere le sue poesie saltando qua e là non pochi versi, ma spero di essere stato esauriente e di aver fatto capire chi è lui e come la pensa).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X