Caso Mattucci
Chieste le dimissioni di Corvatta

CIVITANOVA - Alcuni consiglieri di minoranza non hanno digerito le dichiarazioni del primo cittadino che si dice tranquillo per il sequestro delle quote della Palace srl e reclamano le sua poltrona
- caricamento letture
Giovanni Corallini (libera) civitanova

Giovanni Corallini

di Marco Ribechi

L’opposizione chiede le dimissioni di Corvatta per le vicende del caso Mattucci (leggi l’articolo). I consiglieri Giovanni Corallini, Massimo Mobili, Sergio Marzetti, Erminio Marinelli, Claudio Morresi e Fabrizio Ciarapica non perdonano le dichiarazioni del sindaco (leggi l’articolo) e fotografano la situazione di una città allo sbando con parole dure e molto critiche: «Tutto è in stallo, una città abbandonata a se stessa, atti amministrativi che devono andare in consiglio fermi da mesi, così come sono fermi da maggio i pagamenti dei fornitori che hanno svolto i lavori stradali o altre opere con la giustificazione che i soldi sono finiti. Prima che ci siano danni irreversibili e continui questa pagliacciata nell’amministrare la città, noi chiediamo a gran voce, ma crediamo che tutta la città le aspetti, le dimissioni di Corvatta. A seguito anche di quanto letto sulla cronaca in merito al sequestro della azioni della società Palas srl ed alla nomina di commissari giudiziari per la gestione della stessa, interveniamo per chiarire che il contratto di concessione del palazzetto prevede tra le condizioni di risoluzione del rapporto con la società Palas la condizione di “amministrazione controllata”. Riteniamo che la valutazione delle circostanze, gravissime e di natura penale, crei i presupposti per la tutela dell’Ente Comunale, sia sotto il profilo economico-finanziario che politico-morale per risolvere il rapporto di concessione del palazzetto immediatamente. C’è inoltre un mutuo che il Comune garantisce per due milioni di euro ed oltre e non si ha notizia ancora sulla situazione delle rate; in che cosa si spera nella fata turchina o nelle genialità dell’assessore Silenzi? Siamo di fronte ormai ad uno tsunami che travolgerà sicuramente altre situazioni».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X