Un Castello di filosofia
…dell’umorismo

TOLENTINO - Successo per la prima delle tre serate di Popsophia. Premiati i vincitori del concorso "Biumor 2015" e tributo all'ironia di Giorgio Gaber. Domani Philoshow “Ah che bell’ ‘o café La filosofia della pausa da Voltaire a Fabrizio de André”
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Lucrezia Ercoli e Roberto Mordacci durante il Philoshow dedicato a Giorgio Gaber

Lucrezia Ercoli e Roberto Mordacci durante il Philoshow dedicato a Giorgio Gaber

di Erika Mariniello

Giorgio Gaber e l’umorismo accendono il castello della Rancia di Tolentino. Grande successo di pubblico per la prima della tre giorni dedicata alla popsophia dell’Umorismo. Dal pomeriggio a notte inoltrata il pubblico di appassionati ha riempito il maniero della Rancia pronto ancora una volta ad accogliere uno degli appuntamenti più attesi dell’estate. Una giornata intensa, ricca di eventi in programma che si è conclusa con l’inedito Philoshow dedicato all’ironia di Giorgio Gaber. Roberto Mordacci, preside della facoltà di filosofia del San Raffaele di Milano, insieme a Lucrezia Ercoli, sul palco di Popsophia hanno presentato lo spettacolo filosofico musicale tratto da “Punto G” del regista Paolo Nanni. «Gaber afferma con forza l’illusione delle illusioni e la volontà che abbiamo di viverle. Da qui scaturisce la vera forza dell’umorismo. – ha spiegato Mordacci –  Abbiamo bisogno di realtà ma non sappiamo come ricostruirla, specialmente dopo l’11 settembre. Abbiamo il dovere di provare a dar colore alla realtà nonostante il nichilismo postmoderno. Dobbiamo accettare la nostra finitezza – ha aggiunto – lottare per essere quello che siamo e nient’altro: soltanto umani».

Il taglio del nastro. Da sinistra Alessandro Massi, Orietta Leonori, Paola Taddei, Giuseppe Pezzanesi

Il taglio del nastro. Da sinistra Alessandro Massi, Orietta Leonori, Paola Taddei, Giuseppe Pezzanesi

Successo anche per gli altri appuntamenti in programma a partire dal pomeriggio con l’inaugurazione della biennale e l’apertura delle mostre visitabili fino a fine settembre. «Dopo tre anni siamo di fronte al grande risultato della collaborazione tra la Biennale e Popsophia – ha commentato Evio Hermas Ercoli, direttore artistico della Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte prima del taglio del nastro – In queste giornate, tutte da vivere, si intersecano le contaminazioni dell’arte e della cultura. Nell’umorismo e nella satira troviamo parte della nostra vera essenza».
Lectio inauguralis dedicata a Linus – una delle riviste di fumetto più importante di tutti i tempi che quest’anno celebra il cinquantenario – con il noto fumettista Luca Boschi e lo scrittore Paolo Interdonato. «Sono superate alcune forme del fumetto ma non il fumetto. Con le nuove tecnologie anzi il fumetto può arrivare dappertutto – ha spiegato Interdonato – Linus non è più il rappresentante del mondo italiano milanese e di sinistra, né solo un fumetto né solo prodotto culturale, si è trasformato insieme alla società».

Elvis Corrales Rodriguez riceve il Premio Luigi Mari per la caricatura

Elvis Corrales Rodriguez riceve il Premio Luigi Mari per la caricatura

Ad aprire la serata la philofiction con la giovane scrittrice Elena Torre che ha raccontato con video d’epoca e aneddoti di vita le vicende di Giorgio Gaber che lei definisce “l’ultimo sileno”.
«Proprio come gli attori istrionici che cavalcavano i palchi dei teatri della classicità greca, l’arte di Gaber è sempre stata in grado – anche a distanza di anni dalla scomparsa – di trasformare lo spettatore. – ha spiegato la Torre – Spettacoli sempre diversi, che suggeriscono domande attuali ed esistenziali. Il teatro non come mera rappresentazione ma come momento di spiritualità, di conoscenza profonda».
Serata ricca di pathos anche per la premiazione del concorso Biumor 2015. Applausi per i premiati che, vista la natura internazionale dell’iniziativa, provengono da paesi come Iran, Cuba e Armenia. Centinaia di artisti che hanno partecipato da tutto il mondo hanno saputo interpretare con opere di grande rilievo culturale e artistico il tema di questa edizione “Morire dal Ridere. Ad aggiudicarsi il premio internazionale “Città di Tolentino” il belga Constantin Sunnerberg che ha convinto i giurati con l’opera “Rainy Day” che come decretato dalla giuria presieduta da Paola Taddei,  direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, affronta il tema della biennale con una tecnica personale e identitaria raccontato con toni leggeri, poetici e surreali.

Philofiction con Lucrezia Ercoli e Elena Torre

Philofiction con Lucrezia Ercoli e Elena Torre

luca boschi, lucrezia ercoli, paolo interdonato per la lectio inauguralis dedicata ai cinquant'anni di Linus

Luca Boschi, Lucrezia Ercoli, Paolo Interdonato per la lectio inauguralis dedicata ai cinquant’anni di Linus

L'inaugurazione delle mostre di BIUMOR 2015

L’inaugurazione delle mostre di BIUMOR 2015

Lectio inauguralis

Il pubblico serale

Il pubblico serale

Il cast del Punto G

Il cast del Punto G

Elvis Corrales Rodriguez e il sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi

Elvis Corrales Rodriguez e il sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X