Impianto per la cremazione
Nasce il comitato del “no”

CIVITANOVA - Una trentina di persone si sono riunite ieri per valutare le azioni da mettere in piedi contro il progetto dell'amministrazione
- caricamento letture
Il progetto dell'impianto

Il progetto dell’impianto

Un comitato per dire no all’impianto di cremazione a Civitanova Alta. Ieri sera una trentina di persone si sono riunite nei locali parrocchiali per continuare a portare avanti la battaglia contro il forno crematorio che l’amministrazione avrebbe intenzione di realizzare con un project financing nell’area del cimitero (leggi l’articolo). Un incontro spontaneo fra cittadini che alla vigilia di Ferragosto si sono ritrovati per lanciare l’idea di formare un comitato e iniziare una serie di azioni di volantinaggio, sensibilizzazione contro l’impianto. I motivi del no sono quelli già emersi nella precedente assemblea sui quali le rassicurazioni dell’amministrazione sembrano non aver sortito effetti. Anzitutto si contesta la vicinanza alle abitazioni e l’assenza reale di necessità di una struttura per la cremazione dei defunti che serva il territorio di Macerata. Secondo i detrattori infatti non c’è una reale necessità numerica e la cremazioni, date le basse percentuali di coloro che decidono di farsi cremare, non risolverebbe il problema del sovraffollamento del cimitero. A breve verranno formulate azioni di informazione, tra cui una raccolta firme. Sono una trentina attualmente i firmatari.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X