Un pool di compagnie petrolifere
finanzia la geologia Unicam

CAMERINO  – A Shell e Total si aggiunge Gdf grazie ad un ex studente dell'ateneo
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Analisi al SIncrotone di Trieste di strutture in rocce serbatoio

Analisi al SIncrotone di Trieste di strutture in rocce serbatoio

Soldi delle compagnie petrolifere per portare avanti gli studi di terreno e di laboratorio e, soprattutto, cofinanziare studenti di dottorato e assegnisti di ricerca del progetto “Reservoir Characterization Project”. L’ultima arrivata si chiama Gas de France (Gdf Suez) e si unisce a Shell e Total nel consorzio sponsor della ricerca (www.rechproject.com) coordinata dai professori Emanuele Tondi e Claudio Di Celma della Sezione di Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Ateneo. L’obiettivo del progetto è quello di migliorare le conoscenze sulla caratterizzazione e modellazione dei serbatoi naturali di geofluidi (come per esempio l’acqua, i fluidi termali, il gas e il petrolio) per una migliore efficienza nel loro reperimento e una gestione attenta alla sostenibilità ambientale.

Emanuele Tondi

Emanuele Tondi

“Siamo molto soddisfatti che Gdf Suez abbia deciso di finanziare il nostro progetto” – afferma Emanuele Tondi, coordinatore del progetto insieme a Claudio Di Celma e Responsabile della Sezione di Geologia – soprattutto perché chi ci finanzia è un nostro ex studente ed ex dottorando che lavora nella compagnia con responsabilità dirigenziali. Gli studenti che si laureano o, meglio ancora, fanno il dottorato di ricerca nell’ambito del progetto trovano generalmente lavoro in una compagnia multinazionale dell’energia, come le compagnie petrolifere e le società di servizio, e vedere poi che una volta acquisita una posizione dirigenziale tornano a finanziare il progetto di ricerca dell’Università che li ha formati è una gran bella soddisfazione“. Nell’ambito del progetto è in partenza una sezione denominata “Geofluid Reservoirs” nello spin-off di Unicam Terre.it. L’obiettivo dello spin-off, che vede coinvolti diversi docenti dell’Università di Camerino e laboratori ed Enti di ricerca Europei ha l’obiettivo di trasferire al mercato della Geologia i risultati di 10 anni di ricerca sui serbatoi naturali di geofluidi. Il progetto di ricerca infatti è attivo dal 2006 e ha visto tra i suoi sponsor anche Statoil.

Modelli 3D previsionali di porosità e permeabilità

Modelli 3D previsionali di porosità e permeabilità

Misure di permeabilità effettuate sul terreno in rocce serbatoio

Misure di permeabilità effettuate sul terreno in rocce serbatoio



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X