Zoccolanti, Salvucci: “Raccolta firme
per rimuovere l’antenna”

CORRIDONIA - Intanto spunta un pollaio abusivo dentro il monastero. Il capogruppo della lista civica di opposizione interviene in seguito al mancato chiarimento da parte dell'amministrazione su alcuni questioni di degrado dell'area. «Una frana ha interessato il parcheggio sottostante dell'ex Lidl e all'interno dell'edificio religioso c'è un cortile con animali domestici. Il sindaco non ha fornito risposta. L'unica arma che ci rimane è una petizione per salvare l'area dal degrado »
- caricamento letture
antenna zoccolanti 2

L’antenna vicino al monastero

di Claudio Ricci

«Una città in lutto». Così Enzo Salvucci, capogruppo della lista civica Corridonia definisce la città dopo l’installazione della maxiantenna telefonica di 36 metri nell’area del monastero Zoccolanti (leggi l’articolo). E annuncia una raccolta firme per la rimozione del palo. La vicenda ha portato a galla anche un pollaio abusivo dentro l’edificio religioso. «È l’espressione migliore dell’arroganza di questa amministrazione Calvigioni – continua poi il consigliere comunale – La gente di Corridonia non si spiega perché proprio lì, così in vista, così alta, così invasiva che quando guardi da quella parte il monastero quasi scompare ».

Istanze di cui Salvucci si è fatto portavoce nel consiglio comunale del 28 novembre avanzando all’amministrazione la richiesta di chiarimento sul rischio idrogelogico che investe l’area sottostante.

Il pollaio all'interno del monastero degli Zoccolanti

Il pollaio all’interno del monastero degli Zoccolanti

 

frana lidl zoccolanti

La frana

Proprio qui qualche tempo fa un recente movimento franoso ha coinvolto anche alcune strutture attigue al parcheggio ex Lidl (foto 1). Tra i punti inerenti la richiesta anche un cortile recintato e attualmente accudito da ignoti con animali di bassa corte proprio all’interno del monastero. «Il sindaco non ha chiarito nessuna delle mie richieste – spiega Salvucci – Avevo domandato all’amministrazione la possibilità di stanziare un fondo per il ripristino dell’accettabilità e del decoro dell’area. Ma il sindaco Calvigioni ha risposto solo in merito all’antenna.

La giunta Calvigioni si difende dietro la foglia di fico del rispetto del piano antenne e di tutte le autorizzazioni possibili, ma la conclusione è che con questa decisione ha creato un danno irreversibile alla città. E la maggioranza dei cittadini oggi è arrabbiata per tanta prepotenza». Un malcontento palese quello dei corridoniani che il consigliere di opposizione ha rilevato personalmente. «Basta fare un giro nelle piazze e nei locali pubblici per percepire la rabbia di tutti. Anche di quelli che fino a prima dell’installazione si erano dimostrati tolleranti».

Altra questione oscura questa, dato che il piano approvato dal consiglio nel 2008 prevedeva alternative rispetto alla posizione adottata vicino al monastero. Secondo la Soprintendenza l’antenna non doveva superare i 22-24 metri di altezza “Per non creare una alterazione allo skyline vegetativo presente nell’area”, ma l’amministrazione Calvigioni alla fine ha trovato il modo di  autorizzare un’antenna alta 36 metri. Perché?  Sempre secondo la Soprintendenza gli impianti tecnici posti alla base dovevano essere interrati almeno per metà. Perché sono tutti fuori terreno? Purtroppo l’amministrazione ha preso per buono il piano Telecom senza valutare attentamente le altre possibilità che non avrebbero compromesso così gravemente il paesaggio cittadino».

Enzo Salvucci, capogruppo della lista civica Corridonia

Enzo Salvucci, capogruppo della lista civica Corridonia

Ma la lista di minoranza non ci sta e annuncia movimenti di protesta per i prossimi giorni. «Tanti cittadini si sono domandati il perché di tanto accanimento – continua Salvucci – di questa amministrazione contro l’immagine di un monumento considerato il simbolo della città. In qualità di lista civica stiamo predisponendo una raccolta firme per bloccare l’attivazione del ripetitore e la sua rimozione. Considerato lo stato delle cose è l’unica arma che ci rimane».

 

 

 

 

 

 

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =