La replica della Pars:
“Su di noi insinuazioni, controlli ok”

CORRIDONIA - La presidente della comunità, Nicoletta Capriotti, interviene dopo l'articolo sulle ispezioni nella sede. "Ci sono da anni ,i verbali sono a disposizione e sono tutti positivi"
- caricamento letture
Una delle strutture della Pars

Una delle strutture della Pars

“Sulla Pars insinuazioni e inesattezze, i risultati dei verbali sono a disposizione e sono tutti positivi”. E’ la replica di Nicoletta Capriotti, presidente della Pars dopo l’articolo apparso su Cronache Maceratesi a firma di Giuseppe Bommarito e Gaetano Angeletti  relativo alle ispezioni della nota comunità terapeutica di Corridonia (leggi l’articolo). “Non è vero che ispezioni e controlli alla Pars siano iniziati ora per merito di un qualche dipartimento – scrive Capriotti in una nota –. Negli ultimi cinque anni sono stati più di 250 i controlli operati da parte di diverse autorità (Asl, guardia di finanza, carabinieri). I risultati dei verbali sono a disposizione dei soggetti interessati, sono tutti positivi e al massimo rilevano poche inadempienze di lieve entità, come la mancanza di un’etichetta su di un prodotto fresco, oppure qualche informazione mancante sulla scheda di un utente. Stiano tranquilli i super censori: i nostri conti, le nostre procedure, il nostro personale, i nostri metodi educativi e terapeutici, le terapie farmacologiche e psicologiche sono super controllati da numerose autorità e istituzioni pubbliche, non solo dal nostro dipartimento”. Capriotti continua dicendo che “Per le insinuazioni sugli arricchimenti: tutte le nostre risorse sono investite da sempre in nuove opere sociali a favore di giovani e adulti in difficoltà, del loro recupero e del loro reinserimento; da ultimo abbiamo aperto nuove comunità educative per minori e abbiamo creato o trovato occasioni di lavoro per decine di ragazzi usciti dalle nostre comunità”. E sulle lettere anonime che sarebbero alla base dell’ultima ispezione alla Pars, “non sapevamo nulla delle asserite lettere anonime che ci accuserebbero di questo o di quello e abbiamo accolto l’ultima ispezione come una cosa normale, solo come una delle tante ricevute in questi anni”. E aggiunge “Comunque, anche quest’ultima ispezione alla comunità terapeutica di contrada Gabbi a Corridonia, dal verbale in nostro possesso, si è svolta senza nessun rilievo e nessuna mancanza: tutto risulta in ordine, pulito, efficiente. Altro non sappiamo e se c’è gradiremmo saperlo, non dai super censori, ma dalla pubblica autorità, a cui spetta il dovere d’informarci”. E conclude: “Fortunatamente il nostro credito tra la gente non dipende da chi sparge dubbi e insinuazioni, ma dai fatti, da quanto stiamo facendo da più di vent’anni per aiutare i giovani in difficoltà e le loro famiglie; questo ci basta”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X