Matelica, contro l’Isernia
sono vietati cali di concentrazione

SERIE D - Nonostante le assenze di Cognigni, Moretti, Scartozzi, Ercoli e Silvestrini, i ragazzi di Carucci sono chiamati al bottino pieno contro la penultima della classe
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
L'allenatore del Matelica Fabio Carucci

L’allenatore del Matelica Fabio Carucci

di Sara Santacchi

Con l’Isernia è vietato sbagliare. E’ questo l’imperativo del Matelica che domani (domenica) accoglierà la visita della compagine molisana. Nonostante il leggero cambio di rotta delle ultime settimane, la squadra allenata dal tecnico Carucci ha ben presente quali sono gli obiettivi da seguire e con quale spirito. La settimana è trascorsa in maniera tranquilla col reintegro in rosa degli infortunati Cognigni, Scarozzi e Moretti che tuttavia, anche per questa gara rimarranno a guardare dalla tribuna. Una settimana per il Matelica, dunque, piena di belle notizie e arricchita anche dal riconoscimento al Galà dello sport come migliore squadra della provincia di Macerata. Adesso però bisogna guardare al campo e mister Carucci non ha dubbi “con l’Isernia non voglio sentire scuse, è fondamentale tornare sulla nostra strada. Per farlo dovremo centrare la vittoria senza prescindere dal bel gioco: ai ragazzi ho chiesto prestazione e risultato”. E quella con l’Isernia sarà solo l’inizio perché le altre partite in programma saranno comunque “otto finali –spiega Carucci – fare il risultato domani (domenica) ci proietterebbe alla gara col Termoli con quel qualcosa in più che in questo momento ci manca”. Il centrocampista Gadda sarà, con tutta probabilità, dal primo minuto in campo. Novità, invece, in difesa dove mancheranno Ercoli e Silvestrini, il che significa rivedere Gilardi in coppia con D’Addazio.“Il campionato è ancora lungo e recuperando anche gli infortunati penso che potremo tornare a essere quelli di sempre. Per questo ritengo che la partita con l’Isernia sia importante, perché poi ci aspetta la trasferta di Termoli e ce l’andremo a giocare”. Termoli che proprio nell’ultima giornata ha scavalcato il Matelica, al secondo posto in classifica e a due lunghezze di distanza. “Ma il campionato non è finito – replica subito Carucci – penso che ne potremo vedere ancora delle belle e il Matelica, che sta già facendo un campionato al di sopra delle aspettative, potrà togliersi ancora diverse soddisfazioni”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X