Protesta dei dipendenti
Sielpa-Calamante
A giorni la decisione sul fallimento

MACERATA - I lavoratori questa mattina hanno manifestato davanti al tribunale. Poi una delegazione è stata ricevuta dal presidente Iacoboni che ha assicurato che entro l'inizio della prossima settimana il giudice si pronuncerà sulle due istanze presentate dagli operai
- caricamento letture

 

(In alto la galleria con il foto-servizio di Lucrezia Benfatto)

 

I dipendenti dopo l'incontro con il presidente Iacoboni

I dipendenti dopo l’incontro con il presidente Iacoboni

di Gianluca Ginella

Sielpa-Calamante, protesta davanti al tribunale di Macerata dei lavoratori (uan settantina) che chiedevano una decisione rapida sulle istanze di fallimento: la risposta entro l’inizio delle prossima settimana. E’ questa la buona notizia con cui una delegazione sindacale intorno alle 13 di questa mattina è uscita dal palazzo di giustizia dopo aver incontrato il presidente Alessandro Iacoboni. “Ci ha detto che a giorni, entro l’inizio della prossima settimana, il giudice deciderà – dice Aldo Benfatto, segretario provinciale della Cgil –. E’ stato un incontro proficuo, il presidente è stato molto disponibile e ci ha detto di essere a conoscenza”. Due le istanze di fallimento presentate in tribunale.

 

Massimo De Luca (Fillea Cgil)

Massimo De Luca (Fillea Cgil)

La prima è stata presentata dai dipendenti della Calamante che hanno lavorato sull’A14 per la realizzazione della terza corsia. 58 operai che da agosto 2012 attendono di essere pagati. L’udienza si è svolta il 3 dicembre davanti al giudice Reale. E “Siamo in attesa, oggi ci siamo trovati qui per sollecitare una decisione per venire a capo di questa situazione” dice Massimo De Luca, segretario della Fillea Cgil. Una seconda istanza di fallimento è stata presentata un paio di settimane fa dai dipendenti di Sielpa e Calamante. 84 lavoratori che, oltre a lamentare, mediamente, la mancanza di 3-4 mesi di stipendio, da novembre sono senza più cassa integrazione. “Con l’istanza di fallimento, immediatamente dopo ci si dovrebbe sedere intorno ad un tavolo per darla in gestione ad una nuova azienda” spiega De Luca. Questa la speranza dei dipendenti. Una decisione, quella del giudice, che preme molto ai lavoratori “Siamo qui per sollecitare la magistratura. Perché qui c’è gente che non riesce più a vivere. La situazione è drammatica” dice Sergio Campanari della Feneal Uil. “Ci troviamo in una situazione dove gli 84 lavoratori della Sielpa e Calamante si trovano con in essere un conflitto di lavoro, senza stipendio e senza ammortizzatori sociali. Il fallimento stabilirebbe almeno un punto fermo” dice Primo Antonelli della Filca Cisl. Che aggiunge come “ieri ci è arrivata una richiesta di cassa integrazione ordinaria tramite Confindustria Macerata, a decorrere dal 2 dicembre per 13 settimane. Ma questo ammortizzatore non può essere utilizzato senza la prospettiva di una ripresa dell’attività lavorativa”. Tra i dipendenti c’è chi come Gianni Ciattaglia, 53 anni, 3 figli, cerca di andare avanti con quello che trova: “mi arrangio, se trovo da tagliare l’erba per 10 euro lo faccio, mica posso andare a rubare. Si tira avanti così e con quello che prende mia moglie”. “Io ho due figli, uno di 26 anni, l’altro di 18. andiamo avanti con i 600 euro che guadagna mia moglie” dice Gianfranco Piermattei, 52 anni, di Treia, dipendente della Sielpa. Un altro aspetto della vicenda è l’accordo in Regione in cui il titolare di Sielpa e Calamante, si assumeva l’onere di pagare “entro dicembre, ma da allora non è successo niente”.

Gianfranco_Piermattei

Gianfranco Piermattei

Gianni_Ciattaglia

Gianni Ciattaglia

Sergio Campanari (Feneal Uil)

Sergio Campanari (Feneal Uil)

Primo Antonelli (Filca Cisl)

Primo Antonelli (Filca Cisl)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X