facebook twitter rss

Cingoli in festa per la tracimazione della diga
Boom di visitatori a Pasquetta

Per la prima volta in venticinque anni l'invaso artificiale è al completo: raggiunta la capienza massima di 42 milioni di metri cubi d'acqua
martedì 2 Aprile 2013 - Ore 12:40 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il cartello di pericolo al lago di Castreccioni

Il cartello di pericolo al lago di Castreccioni

 

La piena del lago ha eroso parte delle sponde

La piena del lago ha eroso parte delle sponde

di Filippo Ciccarelli

Complice anche il giorno festivo del Lunedì dell’Angelo, ristoranti e locali della zona di Moscosi e Castreccioni hanno registrato il pienone: nonostante il cielo coperto, molte persone hanno scelto il comune di Cingoli per la tradizionale gita fuori porta di Pasquetta, attratti anche da un evento storico come la tracimazione della diga che si trova proprio in quella zona. Per la prima volta in quasi ventisei anni (l’invaso venne inaugurato il 18 luglio 1987), il livello del lago di Castreccioni ha raggiunto il culmine, e dalle bocche della diga è defluito sin dalle prime ore del mattino un flusso costante di acqua. Le avvisaglie di questo fenomeno che mai si era verificato c’erano state due settimane fa: in quel caso lo zampino del vento da sud ovest aiutò la tracimazione delle acque, viste le onde spinte verso le feritoie da raffiche che soffiavano toccando punte di 100 km/h.

diga tracimazione

Centinaia di persone hanno assistito allo spettacolo dell’invaso stracolmo, ed hanno goduto dello spettacolo nelle passeggiate lungolago ma anche assiepati ai margini delle strade, sui guard-rail e nei punti di osservazione della alture vicine. Chi non tornava al lago da tempo si è stupito nel notare come il passaggio di terra fino a un noleggio di pedalò fosse stato cancellato in quella che è diventata una

L'acqua ha sommerso molti alberi e le lingue di terra

L’acqua ha sommerso molti alberi e le lingue di terra

vera e propria isola all’interno del lago: effettivamente l’acqua ha sommerso numerosi alberi ed eroso  La quota teorica per l’esondazione era stata raggiunta a Pasqua, quando il livello del lago era salito a 342,45 metri sul livello del mare, e superato il giorno dopo, intorno alle 7 del mattino, quando il lago è salito a 342,50. Nessun pesce d’aprile, però: tant’è che in queste ore si sta provvedendo al collaudo definitivo della diga di Cingoli, possibile solamente quando lo stesso invaso tracima per colmatura, evento atteso per un quarto di secolo.

L’invaso artificiale, il più grande del centro Italia, è alimentato principalmente dal fiume Musone; gli altri immissari sono il fosso di Frontale e il fosso di Argiano. Le acque del lago coprono una superficie di circa 240 ettari: negli ultimi anni è cresciuto l’interesse turistico verso l’invaso di Castreccioni, che riveste un’importanza fondamentale per l’agricoltura (4.000 ettari di terreni agricoli vengono irrigate con le sue acque; presto diventeranno 5.500) e per i 105 mila marchigiani che quotidianamente ottengono acqua potabile. Recentemente è stata costruita anche una centrale idroelettrica, gestita dalla Hydrowatt spa, che fornisce circa 700 mila kilowattora l’anno: oggi il lago contiene 42 milioni di metri cubi d’acqua.

(Redazione CM)

 

La tracimazione nella foto di Domenico Brunori

Il livello dell'acqua a Pasqua; raggiunta quota 342,45 mt sul livello del mare. Foto di Gian Nicola Ferranti

Il livello dell’acqua a Pasqua; raggiunta quota 342,45 mt sul livello del mare. Foto di Gian Nicola Ferranti

La diga

La diga



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X