Un percorso pedonale ciclabile per lanciare il turismo a Tolentino

Il Comune ha partecipato ad un bando provinciale con un progetto che interessa sei aree: gli Orti, il Ponte del Diavolo, le attrezzature sportive, il Castello della Rancia, l'Abbadia di Fiastra e l'Oasi del Lago delle Grazie
- caricamento letture
Pista ciclabile 2

Una pista ciclabile

Il Comune di Tolentino investe in turismo ed è tra i beneficiari del bando proposto dalla Provincia di Macerata ( “Creazione potenziamento ed adeguamento di infrastruttura su piccola scala”) con un progetto di completamento dei percorsi ciclo pedonali degli Orti e Ponte del Diavolo – Oasi delle Grazie. L’intervento proposto interessa  sei aree di interesse turistico, ricettivo e storico- culturale: l’area degli Orti, l’area del Ponte del Diavolo, l’area delle attrezzature sportive, l’area del Castello della Rancia, l’area dell’Abbadia di Fiastra e l’area dell’Oasi del Lago delle Grazie. Tutte queste aree rivestono un notevole interesse dal punto di vista storico-ambientale e sono tutte ubicate in prossimità del fiume Chienti, il quale rappresenta l’elemento comune di raccordo e di collegamento, elemento dominante di un percorso pedonale-ciclabile che parte dall’Abbadia di Fiastra e si conclude all’Oasi del Lago delle Grazie, intercettando, lungo il suo tracciato, tutte le sei aree, integrando gli interventi già realizzati negli anni passati ma non ancora visti sotto un’ottica comune.
Inoltre il progetto si ricollega anche ad altre iniziative simili, quali la partecipazione del Comune ad un altro bando volto all’incentivazione di attività turistiche che prevede la realizzazione  “infrastrutture ricreative”, con un intervento riguardante il Castello della Rancia, che rientra nella progettazione su scala europea, “Green mountain”, oltre alle iniziative connesse con “Il grande anello dei Sibillini”. Il progetto definitivo prevede una spesa di poco superiore ai 131 mila euro.

«Con questo intervento  – si legge in una nota del Comune – si vuole completare e adeguare alcune opere attualmente incomplete collegando l’Abbadia di Fiastra al Lago delle Grazie, creando un itinerario che sappia promuovere la città Tolentino e il suo territorio, in relazione alla sua storia, cultura, tradizioni e paesaggio. Il percorso pedonale ciclabile degli Orti, per come è collocato fisicamente sembra essere tangenziale alla città di Tolentino, ma in verità il suo completamento è una grande occasione per restituire a Tolentino non solo un intervento che si inquadra in una logica di mobilità sostenibile, ma anche storica, culturale e paesaggistica.  Infatti il percorso si va ad attestare lungo la Via Lauretana intercettando di fatto l’antico Ospedaletto e la zona degli Orti. Una volta completato il percorso si potrà effettuare una passeggiata che possa essere turistica o funzionale agli spostamenti all’interno della città e restituisce a chi la percorre una sezione della storia, della cultura e del paesaggio del lungo fiume del Chienti in prossimità di Tolentino. L’opera così come ora si presenta non è fruibile, e quindi si andrà ad intervenire con l’istallazione di 19 corpi illuminanti, lungo tutto il percorso, con lampade a led che garantiranno un risparmio energetico, il montaggio ove necessario di balaustre tipo “maremmane” in legno per mettere in sicurezza i ciclo-pedoni, la pavimentazione della pista con un tappetino di bynder, la sistemazione a verde con panche e tavoli, dell’area adiacente l’Ospedaletto, e la sistemazione con cordoli, balaustre e pavimentazione dei due ingressi agli orti, ora in situazione precaria e infine con la sistemazione di tre aree a parcheggio e sosta, in prossimità del Borgo delle Conce.Per quanto riguarda il percorso pedonale ciclabile “Ponte del Diavolo-Oasi delle Grazie” bisogna dire che questo tratto è un asse cardine di tutto il progetto in quanto completarlo e adeguarlo, significa riuscire a collegare la città di Tolentino, con una delle sue emergenze collocate fuori dal centro abitato. Questi in sintesi i lavori da eseguire per il completamento e adeguamento dell’opera Ponte del Diavolo-Oasi delle Grazie”. In questo caso si tratta di un intervento che va a completare un percorso già esistente, e utilizzato. Attualmente il percorso è segnalato con dei dissuasori in plastica alti 15 cm avvitati sul tappeto in asfalto, che dividono la doppia carreggiata, dal percorso ciclabile pedonale. Con i lavori si va a sostituire, i dissuasori con dei cordoli prefabbricati in calcestruzzo alti 40 cm che meglio delimitano le carreggiate carrabili da quelle ciclo pedonali, garantendo in maniera migliore la sicurezza di chi ne usufruisce. Si rende necessario la rimozione dei dissuasori esistenti, il taglio dell’asfalto e lo scavo di circa 20 cm con per il posizionamento dei nuovi cordoli, la quale stabilità è garantita da uno strato di calcestruzzo di fondazione».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 1
Civitanova = 
Elezioni = 1