L’annuncio choc di patron Antonelli
“Sono stufo, lascio la Civitanovese”

SERIE D - Il numero uno rossoblu: "A fine anno, dopo aver portato a termine gli impegni presi, non sarò più il presidente e chiuderò con il mondo del calcio"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Il presidente della Civitanovese Umberto Antonelli

Il presidente della Civitanovese Umberto Antonelli

di Laura Barbato

A pochi giorni dall’importante match della Civitanovese contro l’Ancona, il numero uno rossoblu, il presidente Umberto Antonelli, annuncia di voler lasciare la presidenza a fine stagione, dopo aver portato a termine gli impegni assunti. Una decisione presa dopo aver valutato le circostanze e le varie situazioni che ruotano intorno al mondo del calcio; una scelta che è  il frutto di una disgregazione di intenti tra le varie componenti che formano oggi il mondo del calcio.

Presidente Antonelli, come mai è arrivato a questa decisione?
“A causa delle interferenze che ci sono nel mondo del calcio, che sono tante e tali da far cessare qualsiasi tipo di passione”.

Si riferisce a qualche episodio in particolare?
“Al giorno d’oggi per fare calcio non è più sufficiente la componente calciatori ma ci sono tanti interessi che se non girano tutti nella stessa direzione poi portano ad esasperare la situazione. Occorre un sistema compatto che navighi nella stessa direzione e oggi questo non c’è più”.

Cosa intende quando parla di sistema?
“Mi riferisco non solo a un sistema societario ma di tutto quello che ruota intorno alla semplice partita, che se non trova unità di intenti poi non porta neanche dei risultati. Un sistema formato da diverse componenti come società, tifosi, comunicazione, amministrazione ed altro, che se sono d’accordo portano i risultati altrimenti il campo non da esiti positivi”.

Si riferisce all’astio che qualcuno ha nei suoi confronti?
“Dipende cosa si intende per astio, perché se per astio ci si riferisce ad alcune prese di posizione di parte che non hanno alcun riscontro oggettivo, questo chiaramente da fastidio”.

Dopo l’esperienza come Presidente della Civitanovese rimarrà ancora nel mondo del calcio?
“ In questi anni ho dato tanto, più di quello che potevo e di certo dopo questa esperienza ho chiuso con il mondo del pallone”.

Ha idea di chi potrà essere il suo successore?
“ Si dice che ci sia molta gente pronta a prendere le redini della presidenza, che addirittura ci sia la fila, se così è tutti sono i benvenuti, le porte sono sempre aperte”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X