92enne investita davanti al cimitero
“Questa strada è troppo pericolosa”

MACERATA - I cittadini tornano a segnalare i rischi che si corrono in via Pancalducci (GUARDA IL VIDEO) dopo la morte di Dea Angelici. L'assessore Blunno: "E' una zona complicata ma non manca il rispetto degli standard di sicurezza"
- caricamento letture
Il video con i commenti dei cittadini

Il video con i commenti dei cittadini

 

L'investimento di ieri mattina in via Pancalducci, davanti al cimitero

L’investimento di ieri mattina in via Pancalducci, davanti al cimitero

di Alessandra Pierini

La morte di Dea Angelici, 92 enne maceratese travolta ieri mattina mentre attraversava la strada per andare al cimitero (leggi l’articolo), ha molto colpito i tanti maceratesi che conoscono lei e i suoi familiari. Dea Angelici aveva partecipato lo scorso giugno al pellegrinaggio Macerata – Loreto a Piedi come aveva fatto sin dalla prima edizione, portando la sua testimonianza di fede. La donna amava molto camminare e da via Ettore Ricci, dove abitava, non si faceva nessun problema a percorrere chilometri a piedi. Molto conosciuti anche il figlio e la nuora Elisabetta Marcolini, presidente dell’Avis di Macerata.
Dea Angelici ha attraversato ieri mattina la strada in via Pancalducci, sulle strisce pedonali all’altezza del semaforo intelligente che è stato installato con lo scopo di facilitare l’uscita dei mezzi da contrada Vallebona. proprio in quel momento sopraggiungeva M.M., 48 anni di Morrovalle, alla guida di un suv che l’ha travolta.

La tragedia ha riaperto la questione della sicurezza di via Pancalducci. Il tratto che dal cimitero prosegue fino a via Bramante è infatti spesso teatro di incidenti, spesso molto gravi e persino mortali. L’ultimo era stato lo scorso agosto (leggi l’articolo). Tra l’altro la zona è particolarmente interessata dalla presenza di pedoni anziani che portano frequentemente un saluto ai loro cari defunti.

Dea Angelici con il nipote e alcuni amici all'ultimo pellegrinaggio Macerata - Loreto

Dea Angelici con il nipote e alcuni amici all’ultimo pellegrinaggio Macerata – Loreto

via-pancalducci

I pedoni segnalano la difficoltà nell’attraversare la strada

Molti nei commenti all’articolo pubblicato su Cronache Maceratesi hanno parlato di una strada pericolosa, non adatta alla mole di traffico che deve sostenere, della velocità sostenuta con la quale viaggiano le auto, del manto stradale rovinato e dell’inefficacia degli strumenti messi in atto dall’amministrazione comunale. Diverse sono le testimonianze raccolte questa mattina che parlano di una oggettiva difficoltà nell’attraversare la strada: “Questa è strada è troppo pericolosa, le auto corrono troppo, bisogna intervenire” (GUARDA IL VIDEO). 

«Il primo pensiero va alla signora Angelici e alla sua famiglia – ci dice l’assessore Marco Blunno- ieri, dopo l’incidente, sono andato sul posto. Ad oggi la dinamica dell’incidente non è chiara, anche perchè non ci sono testimoni diretti. E’ comunque plausibile ipotizzare che l’investimento sia avvenuto sulle strisce e in un tratto in salita. Lì c’è un limite di velocità a 50 chilometri orari, c’è un semaforo a chiamata poco prima, oltre alle strisce. Alle 8,40 il sole non è in faccia al guidatore. Con questo non nego che quella è una zona complicata ma di certo non manca il rispetto degli standard di sicurezza».

Il comando della municipale lancia un appello a chiunque abbia visto qualcosa di utile a ricostruire la dinamica dell’incidente. Gli interessati possono chiamare lo 0733256346.

cimitero

Il cimitero cittadino

via-pancalducci-sottopasso

Il sottopasso di via Pancalducci

via-pancalducci-3

Il manto stradale

    via-pancalducci-2   via-pancalducci-0    
 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X