Sanità: “Il punto di riferimento devono essere i pazienti”

Sandro Scipioni, presidente del Collegio degli infermieri della provincia di Macerata sottolinea spirito di sacrificio ed etica dei professionisti sanitari
- caricamento letture
sandro_scipioni-e1358597109874

Sandro Scipioni, presidente del collegio sindacale degli Infermieri della provincia di Macerata

Sandro Scipioni,presidente provinciale Collegio Infermierile interviene dopo che le RSU e le rappresentanze sindacali dei 4mila lavoratori dell’Area Vasta 3 di Macerata hanno manifestato il loro malumore (leggi l’articolo):
«Le ultime vicende – scrive –  riguardanti la sanità nella nostra provincia, meritano attenzione e una riflessione condivisa e partecipata.
L’IPASVI (Collegio Professionale degli Infermieri) che ho l’onore di presiedere, con l’incarico di Ente non economico dello Stato a tutela del cittadino e dei professionisti, non può entrare nel merito delle scelte politico-industriali di chi amministra, ma può intervenire, quando il sistema entra in conflitto all’interno dei centri decisionali locali e regionali che hanno il difficile compito di ridisegnare il modello sanitario e assistenziale marchigiano. Tanto per essere chiaro, all’interno di questo dibattito, affermiamo fin da subito e con forza che il Sistema sanitario nazionale e regionale deve essere mantenuto pubblico, equo, solidale, universale, disponibile a forme corrette di complementarietà. Un sistema proiettato verso l’innovazione e la valorizzazione anche attraverso il giusto riconoscimento occupazionale e professionale, di coloro che vi operano o che si sono preparati, con impegnativi percorsi di studio, a farne parte.
Diciamo ciò a tutela dei cittadini che sono il nostro punto di riferimento, la nostra committenza, auspicando che, prima di effettuare scelte inopportune, si operi una preventiva razionalizzazione seguita da una riorganizzazione territoriale della sanità, mediante un confronto aperto e reale a tutto campo.
Dovrebbero essere fatte delle scelte condivise, con nuovi sistemi che siano garantiti da risorse appropriate, con nuovi progetti di rivisitazione delle strutture ospedaliere, riducendo costi e spese, premiando” l’innovazione “ ad esempio le cosiddette strutture poliambulatoriali a piastre in alternativa a plessi ospedalieri non fruibili nella totalità degli interventi necessari.
Troppo spesso invece si assiste al mantenimento dello status quo, perdendo di vista l’obiettivo finale; efficienza ed efficacia dei servizi a tutela del cittadino, senza inutili doppioni.
Gli infermieri, con la loro etica, professionalità, sapere, spirito di sacrificio anche rinunciando a riposi o quant’altro, offrono un servizio di qualità, (dimostrato dai recenti dati ISTAT sul gradimento assistenziale e sull’adeguatezza della preparazione rispetto alla funzione svolta) e chiedono ascolto, rispetto delle normative, leggi, contratti aziendali (spesso difformi tra strutture territoriali) che qualche volta ci mettono in conflitto con i principi contenuti nel nostro Codice Deontologico, non per ultimo il pieno riconoscimento strategico della funzione dirigenziale che svolgono i nostri professionisti nel far funzionare la complessa macchina sanitaria , troppe volte non tenuto nella giusta rilevanza come elemento primario nella gestione del sistema.
Lo dobbiamo ai Cittadini che si rivolgono a noi, nei momenti difficili, di paura e di angoscia. Vorremmo che ci fosse uniformità di trattamento all’interno della nostra Area Vasta, una turnistica unica dappertutto, una verifica di coloro che risultano in organico, ma poi per diversi motivi non espletano l’attività infermieristica, rispetto del turn over in base alle leggi vigenti, sostituzione delle gravidanze ecc.
Il servizio sanitario se non recepisce queste considerazioni, rischia di non reggere. Noi siamo pronti a fare la nostra parte; l’IPASVI di Macerata e il Coordinamento Regionale a giorni chiederanno un incontro ai vertici regionali ASUR per un confronto costruttivo, propositivo sulla sanità e professionalità infermieristica regionale».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X