Emergenza senzatetto e rom
Allo studio diverse soluzioni

CIVITANOVA - L'Amministrazione comunale sta cercando alcune sistemazioni per i senza casa. Cittadinanza Attiva: "Salvaguardare la salute di chi vive all'aperto con temperature insopportabili per il fisico"
- caricamento letture

sgombero_nomadi (2)di Laura Boccanera

Incontro interlocutorio nei giorni scorsi fra Amministrazione e associazioni cittadine per discutere dell’emergenza freddo per senzatetto e rom. Dopo un primo summit con Caritas e associazione I care, il sindaco ha incontrato anche gli esponenti di Cittadinanza Attiva: presenti al tavolo il primo cittadino Corvatta, gli assessori Silenzi e Sglavo, e alcuni funzionari comunali. “Dopo aver chiarito la differenza tra emergenza ed urgenza si è giunti alla conclusione che i rom ed i senzatetto sono, nel periodo invernale, in emergenza per l’esposizione al gelo e alle intemperie – ha sottolineato Laura Marzola di Cittadinanza attiva – ciò certifica quanto da noi affermato nelle denunce precedenti riguardante lo stato d’ emergenza sanitaria a cui sono esposti i soggetti rom romeni da noi assistiti”. All’incontro hanno preso parte anche alcuni rom invitati dalla Marzola che però sono stati allontanati dalla riunione. A denunciarlo è ancora una volta l’attivista umanitaria: “un gesto poco gradito da noi che, come loro rappresentanti, avremmo voluto un coinvolgimento diretto della comunità stessa. Tra le criticità da noi riscontrate c’è la carenza di un monitoraggio del fenomeno senzatetto e la non volontà di avviare, oltre all’emergenza, un percorso d’integrazione sociale. La prima criticità è emersa dopo il confronto con la Caritas e I Care le quali non hanno saputo precisamente il numero esatto di senzatetto presenti in città. Alla nostra richiesta di quantificare il numero dei senzatetto durante il tavolo, per capire la reale portata del problema, nessuno è stato in grado di dare indicazioni precise ma neanche approssimative. Gli unici dati certi sono quelli riportati dal nostro comitato. Ciò è una spia importantissima sullo stato di efficienza dei servizi sociali e delle associazioni che operano sul territorio”. Al termine della riunione, l’amministrazione ha  affidato alla Caritas  l’incarico di un primo sopralluogo al camping Belvedere per valutare possibili alloggi in bungalow o roulotte, sia per i Rom che per i senzatetto. “Il Sig. Petrelli ha comunicato la sua disponibilità ad offrire la sua area di sosta camper qualora non fossero possibili altri tipi di intervento – conclude la Marzola – anche perché abbiamo ricordato che in questi giorni c’è l’allerta meteo sulla nostra Regione che aggrava ancora di più l’emergenza che deve essere risolta al più presto.  Noi siamo in attesa. Non siamo soddisfatti di com’è stata affrontata la questione ma, per ora, è l’unica via percorribile per salvaguardare l’incolumità e la salute di chi, come da noi denunciato, vive all’aperto con temperature insopportabili per il fisico. Cittadinanza Attiva va avanti ed aspetta un atto di civiltà nei confronti di chi affronta quotidianamente gli stenti di una vita all’aperto”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X