Basket, Vigor Matelica vincente nella prima del 2013

- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Pecchia

Il cestista dell’Halley Matelica, Pecchia

Il succo della partita è tutto nelle dichiarazioni di coach Sonaglia al termine dell’incontro: “La mia squadra mi è piaciuta nei primi due quarti. Dopo…no comment! Però – aggiunge subito dopo – abbiamo messo 2 punti importanti in cascina”. Due punti molto importanti, arrivati nella giornata in cui Pedaso inciampa a Gualdo, Tolentino ferma Osimo e l’Halley si gode così il secondo posto ritrovato, in coabitazione con Jesi e a soli 2 punti dalla vetta. L’inizio è bello da vedersi e scoppiettante da entrambe le parti: segno che i sontuosi pasti delle feste non hanno inciso più di tanto, ma anche che le difese non sono proprio impeccabili. Il primo allungo Vigor avviene proprio sul finale di quarto, con una doppia magia di Pecchia, che frutta 5 punti consecutivi e il 21-13 con cui si va al primo intervallo. Il registro non cambia nel secondo quarto, che la Vigor controlla agevolmente, allungando ancora di più il gap, che raggiunge la doppia cifra: negli spogliatoi si va sul 40-29, grazie ad una bomba di Sorci. Al rientro è sempre il numero 5 biancorosso a riaprire le danze, seguito da Montanari, il divario si allarga sul 44-29 e la Vigor è padrona del campo. Poi il giocattolo si inceppa, praticamente all’improvviso. I polpastrelli si raffreddano, si perde fluidità in attacco e con essa la tranquillità. Il contrario fa la squadra di coach Carletti (vecchia conoscenza della panchina matelicese degli anni ’90), che macina gioco con tranquillità e approfitta di una difesa che offre opportunità sempre maggiori, soprattutto per capitan Marini. Castelfidardo costruisce un perentorio 14-0 di parziale, interrotto solo da un’iniziativa di Montanari prima e da un canestro di “ignoranza” del solito fighter Rosei. Due segnali che scuotono la squadra di casa. Il bel coast to coast di Pecchia, che frutta il +6 ad inizio quarto periodo, appare il biglietto da visita di una Vigor ritrovata. Ma Castelfidardo non ci sta, si rifà sotto e firma addirittura il sorpasso (60-61) con Pecorari. Matelica deve affrontare un nuovo finale al cardiopalma, situazione che poche volte, quest’anno, l’ha premiata. Sale però in cattedra l’esperto Usberti, che lotta, subisce falli (non sempre fischiati) e segna 6 punti consecutivi che danno fiato ai locali. A 37” dalla fine, con 4 punti da difendere, la prassi prevede che si controlli il tempo, ma Sorci decide di vincere in maniera più spettacolare, spedendo il pallone a canestro da oltre 8 metri. Il punteggio finale dirà 80-71. La testa è ora già al prossimo incontro, a San Severino, con tutto il fascino (e le insidie) di un derby.

TABELLINI
MATELICA: Porcarelli 2, Sorci 24, Coicchio n.e., Bracchetti 2, Montanari 6, Quercia 12, Agabiti Rosei 4, Bracchetti C. n.e., Pecchia 15, Usberti 15. All.re Sonaglia.
CASTELFIDARDO: Giampieri 5, Gemini n.e., Tittarelli n.e., Gioacchini 12, Marini 17, Monaci 19, Traini n.e., Carletti 9, Pecorari 6, Strappato 3. All.re Carletti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X