Picchia a sangue i genitori
che non gli danno le chiavi dell’auto

TOLENTINO - In manette è finito Fabrizio Taddei, operaio di 46 anni. La madre, 77 anni, ne avrà per cinque giorni, mentre il padre, 86 anni, si trova tuttora ricoverato in osservazione
- caricamento letture

picchiareMalmena i genitori e finisce in manette e solo grazie al provvidenziale intervento della pattuglia dei Carabinieri di Tolentino nell’abitazione della coppia di anziani – lui di 86 anni e lei di 77 – non si sono verificate conseguenze ben più gravi. I fatti si sono verificati questa notte, intorno alle due,  in pieno centro a Tolentino. Il figlio della coppia, Fabrizio Taddei, operaio di 46 anni, rientrato a casa in preda ai fumo dell’alcool, pretendeva che i genitori gli consegnassero le chiavi della loro auto nonostante gli fosse stata sospesa la patente per guida in stato di ebbrezza. Di fronte alla risposta negativa, l’uomo ha iniziato a percuotere gli anziani genitori fino a quando i vicini non hanno chiamato i carabinieri, all’arrivo dei quali ancora si sentivano le urla dei due poveretti. Per entrare nell’abitazione i militari hanno dovuto scavalcare la recinzione e passare attraverso una finestra. Allucinante la scena che si è presentata agli occhi dei militari: il padre di Taddei era riverso a terra sanguinante dalla testa, mentre la madre era seduta tremante ad una angolo della stanza. Lui, invece, si era chiuso nella sua stanza, da dove è stato poi fermato, non senza fatica, dai carabinieri. Infatti, come non bastasse già quanto combinato, si è ribellato ai militari con violenti calci procurando loro lesioni per le quali hanno dovuto far ricorso al locale pronto soccorso. Entrambi sono stati giudicati guaribili in cinque giorni.
Fabrizio Taddei è stato arrestato e, come previsto dalle norme in vigore, condotto agli arresti domiciliari in un’altra abitazione di sua proprietà. Questa mattina è stato convalidato l’arresto, ma non celebrato il processo per direttissima in quanto il difensore ha chiesto i termini a difesa. L’uomo è stato così rimesso in libertà. L’accusa è quella di maltrattamenti in famiglia, lesioni, violenza e resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.
Il padre si trova tuttora ricoverato in osservazione presso l’ospedale di Tolentino, mentre la madre è stata dimessa dopo le medicazioni e ne avrà per cinque giorni.

(redazione CM)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X