Carcere di Camerino
Spacca scrive al ministro Severino

Il governatore delle Marche ha chiesto un incontro per essere aggiornato sulla questione
- caricamento letture
spacca

Gian Mario Spacca, presidente della Regione

Nuovo istituto penitenziario a Camerino: il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, chiede notizie urgenti al ministro della Giustizia, Paola Severino, in merito alle notizie circa la revisione della decisione di realizzare la struttura. Ecco il testo della lettera inviata al ministro.

“Da qualche giorno – scrive Spacca – circolano notizie informali sulla possibile rimodulazione del piano carceri, con conseguente revisione della decisione di realizzare un nuovo istituto penitenziario a Camerino. Sulla questione ritengo importante ricordare che il 17 novembre 2010 è stata sottoscritta una specifica intesa istituzionale tra questa regione ed il commissario delegato per l’emergenza da sovrappopolamento degli istituti  penitenziari presenti sul territorio nazionale, proprio per la realizzazione di una nuova struttura penitenziaria a Camerino.

Inoltre, lo scorso 12 aprile 2012, il nuovo commissario delegato ha convocato  la conferenza  di servizi per l’esame e l’approvazione del progetto preliminare, che si è conclusa con la declaratoria di insussistenza di motivi ostativi alla realizzazione dell’intervento.

La previsione di un nuovo istituto a Camerino – prosegue – è stata condivisa ed auspicata da tutte le componenti sociali ed istituzionali di questa Regione, perché utile per razionalizzare il sistema penitenziario marchigiano, in questo momento fortemente congestionato, ed anche per migliorare la possibilità di reinserimento dei detenuti ed il lavoro degli operatori penitenziari. Le chiedo perciò urgenti notizie sulla questione, dichiarando sin da ora, se necessario, la disponibilità ad incontrarla”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X