Ecco Melchiorri, il top-player della Maceratese
“Che gioia segnare per la mia città”

L'INTERVISTA - Il match winner della sfida di Celano invita i suoi a mantenere un profilo basso nonostante il primo posto in classifica: "Ma il mio sogno è quello di giocare tra i professionisti con questa maglia"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

maceratese-civitanovese-271-268x300

di Andrea Busiello

Un guizzo di Federico Melchiorri al 40′ del primo tempo regala la vetta alla Maceratese, capace di vincere 1-0 a Celano (leggi l’articolo). Dopo aver perso la prima di campionato contro l’Ancona (leggi l’articolo), nessuno avrebbe scommesso un centesimo su questa posizione della formazione biancorossa dopo quattro giornate di campionato. Prima il blitz di Pesaro (leggi l’articolo), poi il successo nel derbissimo contro la Civitanovese (leggi l’articolo) ed infine il colpaccio di Celano. La formazione di mister Di Fabio pare che abbia già trovato una sua quadratura e a questo punto si potrebbe candidare come vera e propria mina vagante del torneo, anche se la stagione è solo all’inizio. Melchiorri, maceratese doc, nella sua carriera annovera anche una presenza in serie A con la maglia del Siena nella stagione 2006/2007: poi quattro stagioni passate in serie C tra Sambenedettese, Poggibonsi e Giulianova con alterne fortune, un anno di stop per problemi fisici prima dei due anni esplosivi in Eccellenza con la maglia del Tolentino, dove ha messo a segno quasi 40 gol. Ed ora, l’esperienza con la Maceratese.

Il primo gol con la maglia biancorsso vale la vetta: meglio di così…

“Si, è stata una domenica piena di soddisfazioni. Realizzare il primo gol con la maglia della Maceratese ed essere primi in classifica è una gran bella gioia. La posizione in classifica per ora conta poco, non dobbiamo montarci la testa ma sappiamo di essere una squadra forte. Dopo il gol di Celano, spero di continuare a gonfiare la rete”.

Dopo un inizio negativo, la squadra sembra aver cambiato marcia. Dove potete arrivare?

“Il lavoro svolto con il preparatore atletico sta cominciando a dare i propri frutti. I risultati stanno arrivando e migliora l’affiatamento della squadra, è prestissimo per dire dove possiamo arrivare ma sono convinto che questa è la strada giusta per toglierci parecchie soddisfazioni. Dobbiamo continuare in questo modo senza guardare troppo in alto”.

maceratese-civitanovese-281-300x212

Sono passate quattro giornare dall’inizio del campionato: quali, secondo lei, le squadre che lotteranno per la promozione?

“E’ troppo presto per dirlo. Sulla carta Ancona e Sambenedettese hanno qualcosa in più delle altre ma non conosco bene tutte le squadre del girone quindi non vorrei sbilanciarmi troppo. Penso che sarà un campionato molto combattuto”.

La sorpresa in positivo e quella in negativo di quest’inizio di campionato?

“La Civitanovese così in basso non me l’aspettavo ma da maceratese sono contento così. Invece mi ha fatto un’ottima impressione la Recanatese che a mio avviso avrebbe meritato qualche punto in più in classifica”.

C’è un attaccante al quale si ispira?

“Fino a qualche anno fa ammiravo Baggio e Del Piero ma ormai me ne sono fatto una ragione del fatto che non diventerò mai come loro (c’è di mezzo una risata, ndr). Tanti mi dicono che il mio modo di giocare assomiglia a quello di Borriello o Cavani ma il paragone mi sembra un po’ troppo eccessivo!”.

Da oggi inizia una settimana delicata perchè la prossima sfida vi metterà di fronte l’ultima della classe, il Città di Marino. Non sono ammessi cali di concentrazione…

“Sarà una gara difficile come tutte le altre, ancora di più perchè la affronteremo da prima della classe. La classifica inganna perchè il Città di Marino non merita l’ultima posizione quindi dovremo preparare questa settimana nel migliore dei modi”.

Federico-Melchiorri

Federico Melchiorri da quest’anno veste i colori della squadra della sua città

Come mai ha scelto di giocare con la Maceratese dopo l’esperienza con il Tolentino?

“Non vedevo l’ora che arrivasse l’offerta della squadra della mia città. L’anno scorso non mi cercò nessuno mentre quest’anno mi è stata data questa possibilità e l’ho presa al volo: sono felice di giocare con la maglia della Maceratese”.

C’è un sogno che custodisce nel cassetto?

“Si, quello di tornare a giocare tra i professionisti. Ma lo vorrei fare con la maglia della Maceratese, spero che ciò si possa realizzare”.

Che persona è Federico Melchiorri fuori dal campo?

“Un ragazzo tranquillissimo come tanti altri. Mi piace uscire con gli amici, molti dei quali super tifosi della Maceratese, e vedere le partite di calcio in tv”.

Melchiorri2-300x200



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X